GP Austria. Isola “Su questa pista conterà il minimo dettaglio”

Lewis Hamilton con la Mercedes è andato più veloce in entrambe le sessioni di prove libere del GP d’Austria usando la gomma morbida P Zero Red, risultando più veloce del tempo dell’anno scorso in entrambe le sessioni. Il suo compagno di squadra Valtteri Bottas è stato il secondo in emtrambe le sessioni. La Ferrari ha deciso di non utilizzare le gomme morbide nella FP1 e le ha guidate solo nella FP2 per la prima volta, con Sebastian Vettel classificato quarto nel pomeriggio. La prima monoposto più veloce alle spalle delle due Mercedes è stata la Racing Point, con Sergio Perez terzo assoluto nella FP2, anche lui con gomma morbida.
“Come previsto, c’era un divario relativamente piccolo in termini di prestazioni tra le tre mescole portate al Red Bull Ring, con un giro veloce che è stato coperto in poco più di un minuto. Nonostante sia passato molto tempo dall’ultima volta che i piloti sono stati in pista, i tempi più veloci in entrambe le sessioni di prove libere di oggi sono stati leggermente più veloci rispetto ai loro equivalenti l’anno scorso, confermando lo sviluppo delle vetture con esattamente le stesse gomme del 2019” spiega Mario Isola, responsabile F.1 di Pirelli.

“Ci sono state molte evoluzioni in pista dopo un po’ di pioggia durante la notte, che ha portato a un uso limitato delle gomme intermedie in FP1. Con più team impegnativi per la top 10, è più probabile che in qualifica sarà necessario la gomma soft per garantire la possibilità di passare al Q3, motivo per cui abbiamo visto molti piloti concentrarsi in long run con la gomma morbida come così come alla media. In un circuito così finemente bilanciato come il Red Bull Ring, il minimo dettaglio conterà anche più del solito”.