Fifa approva “Recovery Fund” da 1,5 mld di dollari

La Fifa ha stanziato 1,5 miliardi di dollari (che equivalgono a circa 1,3 miliardi di euro) per alleviare l’impatto finanziario provocato dalla pandemia da Coronavirus sulle 211 federazioni e sulle 6 confederazioni che ne fanno parte. Il piano era stato originariamente elaborato dall’amministrazione della Fifa in stretta collaborazione con le confederazioni e successivamente approvato dal Consiglio Fifa il 25 giugno 2020. “Questo piano di soccorso è un grande esempio della solidarietà e dell’impegno del calcio in tempi senza precedenti – ha dichiarato il presidente della Fifa Gianni Infantino in una nota – Vorrei ringraziare i miei colleghi dell’Ufficio di presidenza del Consiglio per aver approvato un’iniziativa così importante a beneficio di tutte le associazioni e confederazioni membri”.
Saranno erogati prestiti e sovvenzioni secondo rigorosi requisiti di conformità e chiare condizioni di rimborso del prestito, sotto la supervisione di un comitato direttivo. In particolare, un milione di dollari sarà dato a tutte le federazioni affiliate alla Fifa, con in più 500mila dollari per il calcio femminile. Inoltre, è stata messa a disposizione una sovvenzione di due milioni di dollari per ciascuna confederazione. L’intero importo sarà reso disponibile entro gennaio 2021. Tutte le associazioni affiliate alla Fifa potranno richiedere prestiti senza interessi fino a un massimo del 35% delle loro entrate annuali.
I fondi potranno essere utilizzati per attività come la ripresa delle competizioni, l’implementazione di protocolli sanitari, la partecipazione delle squadre nazionali alle competizioni, assunzione e riassunzione di personale, manutenzione delle infrastrutture calcistiche e costi generali di amministrazione e gestione. Nei prossimi mesi, la Fifa lavorerà a stretto contatto con le associazioni e con le confederazioni per assisterle nell’attuazione del piano attraverso contenuti educativi e linee guida aggiuntive.