Euro sfida anche per i bambini europei

ROMA (ITALPRESS) – Nell’ambito dell’iniziativa UEFA Football in Schools (FiS), i bambini degli 11 paesi che ospitano EURO 2020 stanno anche loro gareggiando in una serie di sfide progettate per testare le loro abilità sia in campo che in classe. La pandemia da COVID-19 e la chiusura delle scuole hanno avuto un impatto sulla programmazione del progetto di calcio scolastico (FIS) lanciato alla fine del 2019, tuttavia, la UEFA ha lavorato insieme alla Federazione Italiana Gioco Calcio (FIGC) per sviluppare una piattaforma online dedicata ai bambini per potersi confrontare con le controparti di tutto il continente e misurare i propri progressi durante il torneo. “Le scuole svolgono un ruolo fondamentale per dare a tutti i bambini l’importante opportunità di giocare a calcio in un ambiente sicuro e di qualità, indipendentemente dal loro sesso, etnia o religione”, ha dichiarato Maxwell Scherrer, responsabile Football Development di UEFA. “Come parte delle nostre celebrazioni di UEFA EURO 2020, abbiamo voluto dare ai bambini delle scuole di tutta Europa l’opportunità di sentirsi parte della competizione organizzando un torneo che coinvolgesse le nostre città ospitanti. A causa della pandemia, abbiamo dovuto adattare il formato per creare un’esperienza online, e con l’aiuto della FIGC, siamo lieti di essere stati in grado di fornire una piattaforma digitale interattiva per consentire a più di 100 scuole la possibilità di partecipare a questa brillante iniziativa”.
Vito Tisci, presidente del settore giovanile e scolastico della FIGC, ha aggiunto: “Siamo molto orgogliosi di aver lavorato con successo a fianco della UEFA per sviluppare il programma EURO 2020 Football in Schools, rendendolo disponibile per altre federazioni nazionali e permettendo ai bambini di tutta Europa di unirsi nonostante le sfide della pandemia”.
(ITALPRESS).