Covid, a ottobre netto rialzo dei contagi per gli operatori sanitari

CORONA VIRUS POLICLINICO SAN PIETRO VESTIZIONE PRIMA DI ENTRARE NELLA SALA DI TERAPIA INTENSIVA EMERGENZA CORONAVIRUS COVID19 COVID 19 OSPEDALE PERSONALE SANITARIO ABITI USA E GETTA CAMICE TUTA USA E GETTA MASCHERINA MASCHERINA CHIRURGICA

ROMA (ITALPRESS) – Le denunce di infortunio sul lavoro presentate all’Inail tra gennaio e ottobre sono state 421.497 (-21,1% rispetto allo stesso periodo del 2019), 1.036 delle quali con esito mortale (+15,6%). In diminuzione le patologie di origine professionale denunciate, che sono state 36.619 (-28,3%). I dati di quest’anno sono fortemente influenzati dall’emergenza Coronavirus.
Tra i settori economici della gestione Industria e servizi, il settore Ateco “Sanità e assistenza sociale” si distingue per il forte incremento delle denunce di infortunio in occasione di lavoro, i due terzi delle quali hanno riguardato il contagio da Covid-19: +117% nei primi dieci mesi (dai 23mila casi del 2019 ai 50mila del 2020), con punte di oltre il +500% a marzo (da 2.400 a 14.700 casi) e del +450% ad aprile (da 2.100 a 11.900 casi) nel confronto tra il 2020 e il 2019.
Tra giugno e agosto si è assistito, invece, a un’inversione di tendenza, con decrementi compresi in un intervallo tra il -6% e il -17%. A settembre si rileva una ripresa pari al +9%, con aumenti che a ottobre tornano a essere preoccupanti (+202%, da duemila a seimila casi).
(ITALPRESS).