Coronavirus, Boccia “La Lombardia resta la massima priorità”

FRANCESCO BOCCIA, MINISTRO PER GLI AFFARI REGIONALI E LE AUTONOMIE

“Come ho detto a Fontana, la Lombardia era ed è la massima priorità del Paese, con altre province ferite di alcune altre regioni, Emilia Romagna, Piemonte, Liguria”. Lo ha detto, nel corso di una conferenza stampa a Palazzo Marino a Milano il ministro per gli Affari regionali, Francesco Boccia. “L’incontro di oggi, come ho detto al governatore Fontana stamattina, è per dire che il governo c’è 24 ore su 24 – ha aggiunto -. La Protezione civile ha dato tutta la disponibilità possibile a Regione Lombardia e abbiamo ribadito un concetto chiaro: stop alle polemiche e lavoriamo tutti insieme. Siamo qui per ribadire che tutto il lavoro che la Protezione civile sta facendo continuera’ a essere fatto”.
Il ministro ha poi assicurato che “quanto speso dalle regioni al 6 aprile sarà rimborsato. Tutto quello che serve agli enti locali dopo, basterà chiedere e verrà dato gratuitamente. Le regioni poi possono fare con le loro risorse quello che fa lo Stato. Diciamo che è solo stato messo ordine”.

E sulle Rsa, Boccia ha evidenziato che “serve un monitoraggio continuo e giornaliero, con tamponi quotidiani e medici e infermieri H24. Poi si faranno le valutazioni. Ci sono inchieste della magistratura, per cui è inutile fare valutazioni. Noi siamo impegnati a mettere in sicurezza le RSA. Poi ognuna di queste risponderà per se stessa. C’è chi ha risposto in modo eccellente
e chi invece ha perso il controllo della struttura”.
(ITALPRESS).