COPPA ITALIA. SCHICK SHOW E ROMA AI QUARTI

La Roma conquista la qualificazione ai quarti di finale di Coppa Italia e lo fa con la vittoria per 4-0 ai danni dell’Entella. Nella cornice dello stadio Olimpico Di Francesco, memore dell’eliminazione della scorsa stagione per mano del Torino, non fallisce la prima storica sfida contro la formazione di Serie C e prenota l’appuntamento al Franchi contro la Fiorentina al turno successivo. “Non sottovalutiamo gli avversari”, aveva avvertito alla vigilia il tecnico giallorosso che affida le chiavi dell’attacco a Schick, chiamato ad una prestazione convincente per dare continuità dopo il gol al Sassuolo in campionato. E il primo squillo del ceco arriva dopo soli ventiquattro secondi: Under arriva sul fondo, crossa e trova il colpo di tacco vincente dell’ex Sampdoria per l’1-0. Molti guai fisici per la squadra giallorossa: prima del match è arrivato il forfait di Perotti (al suo posto Kluivert), poi all’11’ è Juan Jesus ad arrendersi per un problema al ginocchio lasciando il campo a Marcano. Proprio il centrale spagnolo rischia di combinarla grossa al 15’ con un fallo su Mota Carvalho e dalla punizione successiva nasce una nitida occasione per gli ospiti: Nizzetto prova la soluzione di potenza dal limite, Olsen non trattiene ma è straordinario sul tap in a botta sicura di Adorjan. La Roma, dopo un momento di difficoltà, ci prova da fuori area con Cristante prima (palla fuori) e con Karsdorp poi (parata di Paroni). La Roma continua a premere con alta intensità ma qualche finezza di troppo infastidisce il pubblico giallorosso come al 36’ quando Pastore con un colpo di tacco impreciso spreca una occasione nitida da gol. Ma nel finale di primo tempo è da un leziosismo che nasce il raddoppio della Roma: Karsdorp disegna un tiro cross, Schick col tacco libera al tiro Marcano che a porta sguarnita non sbaglia. Nel secondo tempo la Roma approccia come ha iniziato il primo: Kluivert rientra sul destro e serve Schick che col mancino trova l’angolo vincente. Al 51’ inizia lo show di Paroni: Kluivert sempre col tacco libera al tiro Pastore murato dal portiere che pochi minuti si ripete su Schick e poi sulla conclusione deviata di Under. Ma al 74’ l’asse Kluivert-Pastore porta i suoi frutti e l’argentino firma il poker a tu per tu con l’estremo difensore ospite.  All’81’ c’è spazio per l’ingresso in campo del giovane Riccardi ma la partita è ormai impostata nei ritmi lenti del finale e la Roma può gestire il risultato fino al triplice fischio dell’arbitro.