Como campione Under 17 Serie C, battuto il Monopoli 3-1

RAVENNA (ITALPRESS) – Il Como è campione d’Italia Under 17 Serie C. La formazione di mister Cicconi si è aggiudicata la finale Scudetto di categoria battendo 3-1 il Monopoli nella finale disputata allo stadio Benelli di Ravenna. Le reti sono state siglate tutte nel secondo tempo e portano le firme di Tremolada, Di Giuliomaria e Gatti per il Como, di Tataru per il Monopoli.
Il Monopoli parte forte e già dopo pochi minuti va al tiro con Tataru chiamando il portiere avversario Piombino all’intervento. Arriva però immediata la risposta del Como che inizia a collezionare occasioni in rapida sequenza riuscendo ad impegnare severamente l’estremo difensore pugliese Bellavista con un’acrobazia di Mollica poco dopo il quarto d’ora. Anche Di Giuliomaria e Ronco sfiorano il vantaggio per i lombardi ma verso la mezzora arriva uno squillo anche dei ragazzi allenati da Biasi con Cascella di testa. L’ultima chance prima dell’intervallo però porta ancora la firma del Como con Tremolada che scocca un gran tiro dal limite dell’area colpendo soltanto il palo: si torna negli spogliatoi sullo 0-0. L’appuntamento con il gol però è solo rimandato visto che al 51′ lo stesso Tremolada finalizza una bella azione infilando la palla in rete da distanza ravvicinata. Passano pochi minuti e al 55′ arriva anche il raddoppio con Di Giuliomaria, bravo a staccare di testa insaccando una punizione in arrivo dalla trequarti. I pugliesi cercano di scuotersi ma non riescono a mettere in pericolo la porta avversaria e al 61′ addirittura il Como mette al sicuro il risultato con il terzo gol realizzato da Gatti con un rasoterra preciso dal limite dell’area che entra a fil di palo. Il Monopoli però non si perde d’animo e riesce a sbloccarsi con Tataru di testa al 77′ dando vita ad un finale di partita divertente che però non cambia l’esito della sfida. Al termine di una bella partita è il Como a salire sul palco con il presidente del Settore Giovanile e Scolastico Vito Tisci per alzare al cielo il trofeo.
(ITALPRESS).