Carburanti, Scoccimarro “in Fvg super sconto prorogato al 31 ottobre”

DISTRIBUITORI DI BENZINA PREZZI EMERGENZA CORONAVIRUS, CROLLO PREZZO PETROLIO, PREZZI BENZINA AGGIORNATI EFFETTO EFFETTI COVID19 CORONA VIRUS COVID 19 DISTRIBUTORE PREZZO CALO CARBURANTE CARBURANTI AREA AREE DI SERVIZIO

TRIESTE (ITALPRESS) – “I dati positivi delle vendite di carburante su Trieste e Gorizia ci hanno convinto a confermare ancora per un mese la promozione del ‘super scontò regionale. Questo da un lato consentirà ai cittadini di abituarsi a fare rifornimento in Italia e dall’altro aiuterà a spingere definitivamente le compagnie petrolifere e i gestori a mantenere i prezzi più bassi. L’obiettivo è quello di limitare il cosiddetto ‘turismo del pienò che risulta essere doppiamente dannoso: nocivo per l’economia locale e nazionale ma soprattutto per l’ambiente, in virtù dell’inquinamento causato dal percorso effettuato per rifornirsi all’estero”. L’assessore alla Difesa dell’ambiente, Energia e Sviluppo sostenibile Fabio Scoccimarro ha commentato così la proroga dello sconto carburanti per i cittadini del Friuli Venezia Giulia nelle modalità già in vigore dal 31 agosto, deliberata oggi dalla Giunta regionale. Per l’Area 1 il contributo previsto è di 29 centesimi per la benzina e di 20 centesimi per il diesel, mentre nei comuni dell’Area 2 saranno 14 i centesimi di sconto per la benzina e 9 quelli sul diesel. La delibera fissa la validità al 31 ottobre “data entro la quale comunque verrà riconfermato il contributo – ha spiegato l’assessore -, ma l’entità verrà valutata”. “L’iniziativa ha avuto successo – ha spiegato Soccimarro -.
Pertanto vanno ringraziate le compagnie petrolifere che hanno aderito, la Figsc, la Som e i gestori con i quali c’è stato un confronto quasi quotidiano per capire l’andamento dei prezzi e i flussi di carburante erogato. A parte qualche caso isolato, i prezzi al distributore sono effettivamente diminuiti con addirittura picchi di 13 centesimi in meno”. “Se tutti questi soggetti continueranno a impegnarsi in questo senso – ha rimarcato l’assessore regionale – la volontà della Regione è quella di continuare e possibilmente migliorare il servizio e l’entità dello sconto”. “Inoltre con il presidente Fedriga abbiamo concordato di chiedere al Governo un contributo, posto che l’erario statale è di gran lunga il maggior beneficiario della nostra iniziativa – ha aggiunto Scoccimarro -. Invieremo quindi oggi una richiesta ai ministri Gualtieri e Patuanelli per un contributo pari al 50% di quello della Regione – circa 41,5 milioni di euro -, così da consentire il mantenimento della agevolazione sul prezzo del carburante e i conseguenti numerosi benefici che ne derivano per le famiglie del nostro territorio e per le casse dello Stato italiano”. Ricordiamo che nelle settimane dal 31 agosto al 20 settembre è stato registrato un aumento del carburante erogato nelle aree in cui la concorrenza maggiore con i prezzi esteri sono da sempre più significativi. Infatti, Trieste fa registrare un aumento del 12,41% di benzina e del 77,83% per il diesel, mentre Gorizia segna un -3,20% sulla benzina ma un +19,48% sul diesel. La benzina fa segnare percentuali leggermente negative anche sui comuni di Area 1 dell’udinese e pordenonese, rispettivamente -4,61% e -3,32%, mentre il diesel segna +0,99% nell’ex provincia di Udine e -1,06% nell’ex provincia di Pordenone. “E’ evidente come i minori consumi della benzina siamo dovuti alla maggiore efficienza dei motori e alla combinazione con l’elettrico nelle vetture ibride. Importante il risultato del diesel su Trieste e Gorizia dove va anche sottolineato – ha affermato l’assessore – che lo sforzo combinato di Regione, compagnie petrolifere e gestori ha fatto sì che in alcuni distributori il prezzo arrivasse (o addirittura fosse inferiore) all’euro al litro”.
In totale sono stati 4.566.215 i litri di benzina erogati con lo sconto regionale in Area 1 nel periodo 31 agosto-20 settembre, 3.266.916 invece quelli di diesel. “Limitandoci solo a questi dati, sommando lo sconto regionale allo sconto medio applicato alla pompa dagli addetti ai lavori, ossia 5 centesimi, i cittadini del Friuli Venezia Giulia – ha rilevato Scoccimarro in conclusione – hanno già risparmiato quasi un milione di euro”.
(ITALPRESS).