Armao “Def da integrare, serve liquidità diretta a imprese”

Liquidità diretta per le imprese del sud da inserire nel Def 2020. Lo chiede l’assessore regionale all’economia e vicepresidente della Regione Siciliana, Gaetano Armao, nella relazione sul documento di economia e finanza consegnato alla conferenza delle Regioni nella riunione di oggi. Un testo che ricalca quanto già depositato dalla Regione alle commissioni di Camera e Senato.
“Occorre inserire nel DEF 2020 decise ed imprescindibili misure di immissione di liquidità diretta, in particolare per le imprese del Sud, mediante contribuzioni a fondo perduto quale condizione necessaria, anche se non sufficiente, per recuperare la prospettiva di una crescita possibile e soprattutto non socialmente distruttiva”, scrive Armao, secondo cui “non può infatti ritenersi sufficiente, soprattutto nel Sud, il sostegno per l’accesso al credito, come chiarito dalla stessa Banca d’Italia”. Tale relazione, continua la nota consegnata alla conferenza delle Regioni “segue quella trasmessa dal Governo il 5 marzo 2020 (con ’integrazione dell’11 marzo 2020), che a seguito dell’unanime approvazione parlamentare ha autorizzato uno scostamento di bilancio di 25 miliardi di euro per il 2020 (utilizzati a copertura delle misure introdotte con il decreto-legge n.18/2020, ‘cura Italia’)”.
“Si scorge gia` in questa misura la possibilita` che venga accolta la piu` che legittima richiesta formulata dalle Regioni a statuto speciale – spiega l’assessore siciliano -, veder ridotto o, come prospettato, azzerato per il 2020 ed il 2021, il contributo al risanamento della finanza pubblica che per la sola Regione Siciliana ammonta a 1,1 miliardi di euro per far fronte alle drastiche previsioni di minor entrata”. “Questione che diviene ineludibile, adesso, per il Governo nazionale. Ma della segnalata riduzione non e´ dato riscontrare segno alcuno nel testo del DEF, nonostante le formalizzazioni e le riunioni tenute, e pertanto il documento, anche sotto tale profilo, va integrato”, sottolinea Armao.
(ITALPRESS).