Alitalia, Donato “Parlamento non avalli mattanza dei lavoratori”

NELLA FOTO FRANCESCA DONATO EUROPARLAMENTARE LEGA RESPONSABILE REGIONALE DIPARTIMENTO ECONOMIA

“Mi auguro sinceramente che il Parlamento abbia un sussulto di dignità e non avalli la mattanza dei lavoratori Alitalia promossa dal Governo Draghi”: lo afferma l’europarlamentare Francesca Donato intervenendo sulla conversione del Decreto Infrastrutture in discussione da oggi alla Commissione Trasporti della Camera. “La vicenda Alitalia-Ita – continua Donato – oltre ad essere umiliante per il Paese, è emblematica del fallimento della politica industriale del Governo Draghi e in particolare dell’inconsistenza dei ministri che hanno gestito il dossier: è chiaro a tutti che l’obiettivo è sempre stato quello di far fallire Alitalia per realizzare una “low cost” di proprietà dello Stato, da svendere poi a uno dei colossi europei del settore. La neonata ITA infatti mostra sin dal suo esordio tutte le debolezze e l’inadeguatezza di una compagnia di dimensione regionale che dovrebbe competere nel mercato internazionale. Alla demolizione e svendita di uno degli asset strategici più essenziali per l’economia del Paese, si aggiunge l’aspetto altrettanto grave della volontà del Governo di fare carne da macello delle lavoratrici e lavoratori di Alitalia, chiedendo con l’articolo 7 del decreto infrastrutture di cancellare le tutele occupazionali consentendo salari dimezzati e oltre 8 mila esuberi”. “Faccio appello ai deputati di tutte le forze politiche perché fermino la mattanza dei lavoratori di Alitalia voluta da Draghi, messa in atto da Altavilla e pagata con ben 3 miliardi dei contribuenti” conclude la parlamentare europea.
(ITALPRESS).