Accordo nella maggioranza sulla riforma del fisco

MINISTERO DELL' ECONOMIA DEL TESORO E DELLE FINANZE MEF

ROMA (ITALPRESS) – Accordo politico nella maggioranza sulla riforma del fisco. L’intesa prevede un intervento soprattutto sul fronte dell’Irpef, con una riduzione degli scaglioni da 5 a 4 e un calo delle aliquote centrali: quella al 27% scenderà al 25% e quella al 38% andrà al 35%. Un miliardo degli 8 a disposizione sarà destinato alla riduzione dell’Irap.
“È stato raggiunto un buon accordo sulla base dell’impostazione che aveva chiesto Italia Viva”, dichiara il deputato di Italia Viva Luigi Marattin, presidente della Commissione Finanze, che spiega: “Sul metodo, chiedendo una cabina di regia fiscale governo-Parlamento che cercasse e trovasse un accordo, cosa avvenuta in una settimana. Sul merito, perché la riforma contiene interventi strutturali sia su Irpef, dove viene rifatta la struttura e i risparmi di imposta più consistenti sono concentrati sul ceto medio, che Irap, dove si abolisce l’imposta per ditte individuali e persone fisiche. E entrambi gli interventi – sottolinea – sono step di un percorso a due tappe già impostato e che vedrà compimento con la delega fiscale”.
(ITALPRESS).