ZARCO IN POLE A LE MANS, DOVIZIOSO 5^, ROSSI 9^

C’è una Yamaha davanti a tutti a Le Mans ma non è quella ufficiale di Valentino Rossi o Maverick Vinales. Johann Zarco infila il giro perfetto davanti al suo pubblico e per poco più di un decimo beffa Marc Marquez andandosi a prendere la seconda pole stagionale dopo quella di Losail, la quinta della carriera nella classe regina. Il pilota francese della Monster Tech 3 si conferma animale da qualifica – quest’anno ha sempre centrato la prima fila – e su una pista in cui tutti si aspettavano la rinascita di Rossi e Vinales è lui a portare la Yamaha sulla prima posizione della griglia. “Volevo la pole, ma soprattutto volevo andare bene in moto e non pensavo di poter andare così bene – confessa Zarco – Devo approfittare di questo momento”. A fargli compagnia in prima fila, come detto, Marquez e un sorprendente Danilo Petrucci. Il 27enne ternano passa il Q1 assieme a Pedrosa e con un crono di poco meno di due decimi inferiore a quello della pole si mette dietro un sorprendente Iannone e le due Ducati ufficiali di Andrea Dovizioso e Jorge Lorenzo, col forlivese che avrebbe preferito festeggiare in altro modo il rinnovo di contratto, specie dopo quanto messo in mostra nelle libere. Se la passa peggio Rossi, solo nono: il Dottore si era mostrato ottimista ieri e anche stamane era riuscito a stare con i migliori. Alla fine, però, deve accontentarsi della terza fila, preceduto dall’altra Desmosedici della Alma Pramac Racing con Jack Miller in sella e dal compagno di squadra Vinales, di certo pure lui deluso dal risultato delle qualifiche. Ma per domani la musica potrebbe cambiare. Il passo delle Yamaha è temuto da tutti anche se Marquez indica in Dovizioso il rivale più insidioso per domani.

“Vediamo come possiamo gestire la gara – avverte lo spagnolo, vincitore delle ultime due gare e leader del Mondiale davanti a Zarco – Ci sono tanti piloti forti, specialmente Dovi, che per me è il più forte. Ci manca qualcosa per avere il passo di altre piste, stiamo facendo meno fatica che negli altri anni ma per noi è ancora più difficile che per gli altri. Domani sarà importante scegliere bene la gomma posteriore”. Lo stesso Dovizioso non si nasconde e ammette che “siamo messi abbastanza bene per domani. In tanti hanno un buon passo, la gara è lunga e sarà una bella lotta”. Vola più basso Rossi: “Il passo non è niente di speciale ma non è neanche male. Ci sono 3-4 piloti con un passo simile, sarà importante partire forte, essere veloci nei primi giri e fare il massimo. La qualifica? Mi aspettavo di partire più avanti ma questo è”. Paura nella prima manche delle qualifiche per Cal Crutchlow, volato in aria alla curva 8 dopo aver perso il controllo della moto: bandiera rossa e pilota trasportato via in ambulanza per gli accertamenti del caso. Francesco Bagnaia conquista la sua prima pole in Moto2 davanti a Xavi Vierge mentre completa la prima fila Lorenzo Baldassarri. In Moto3 terza pole di fila per Jorge Martin, con Enea Bastianini terzo, sesto Bezzecchi e terza fila tutta tricolore con Antonelli, Di Giannantonio e Migno.
(ITALPRESS).