Una mostra al Coni su Paolo Rossi a 40 anni da Spagna ’82

ROMA (ITALPRESS) – La magia di Paolo Rossi, 40 anni dopo la storica tripletta contro il Brasile che lanciò l’Italia verso la vittoria del Mondiale 1982. Emozioni che rivivono oggi grazie alla mostra interattiva dedicata al grande campione, inaugurata al Salone d’Onore del Coni. Maglie storiche, palloni, trofei e ricordi di compagni e avversari che condivisero con Rossi momenti speciali di una carriera costellata di successi: cimeli inestimabili che fino al 12 luglio saranno a disposizione di visitatori e curiosi nella casa dello sport italiano. Il presidente del Coni, Giovanni Malagò, ha parlato della mostra come “qualcosa di speciale, unico e commovente. L’Italia di Bearzot e Rossi ha fatto un’impresa storica che ha saputo unire un intero Paese. Lo sport italiano deve essere orgoglioso di questa storia”. Presente all’inaugurazione anche il presidente della Federcalcio, Gabriele Gravina, che ha aperto il libro dei ricordi ringraziando tra l’altro Federica Cappelletti, moglie di Paolo Rossi che si è impegnata in prima persona per recuperare questi oggetti: “Nel 1982 eravamo in piazza a festeggiare quella straordinaria vittoria, una storia diventata mito – le sue parole – Con Enzo Bearzot ho condiviso la gestione del settore tecnico di Coverciano: era un uomo di pragmatismo e scorza dura, con una straordinaria capacità di trasmettere sensibilità. Il calcio è parte fondamentale della nostra vita, la completa. E in questa mostra bellissima dedicata a Paolo Rossi si percepisce amore vero: verso la famiglia, verso i figli, verso il calcio. Nell’antologia delle nostre vite ci sono pagine meravigliose e tante di quelle pagine parlano di calcio. Volevamo celebrare il quarantennale di quel Mondiale in un anno nel quale lo sport ha rappresentato una speranza per il Paese”. Particolarmente emozionante anche il “fischio d’inizio” dell’ex arbitro israeliano Abraham Klein, che diresse Italia-Brasile il 5 luglio del 1982: 40 anni dopo, esattamente alle 17.15, Klein (oggi 88 anni) ha dato il “via” a una storia che ricomincia e che continua a coinvolgere gli amanti di questo sport. Nell’esposizione, curata da Sharon Ritossa, c’è la vita di Rossi dentro e fuori dal campo, con uno spazio interattivo nel quale è possibile rivedere la storica tripletta di Barcellona. “Paolo è sempre con noi – ha dichiarato Bruno Conti, presente all’evento – se n’è andato a dicembre 2020 ma nella nostra chat dei campioni del mondo Federica non ci ha mai fatto dimenticare la sua presenza. Il sorriso di Paolo ci accompagna e devo ammettere che Italia-Brasile è stata la vera finale di quel Mondiale. Affrontavamo una squadra piena di campioni, accreditata a vincere quel torneo. Abbiamo dimostrato a tutti che l’Italia non era catenacciara”. “Ci davano per morti e invece siamo diventati immortali” ha aggiunto Marco Tardelli, dopo aver rivisto un video nel quale – sulle note di “Giulio Cesare” di Antonello Venditti – sono passate le immagini con i gol più belli di Pablito. Commovente il ricordo di Federica, che continua a portare avanti con impegno il ricordo di suo marito: “Nel 1982 non lo conoscevo, ma Paolo era già un eroe per me. Poi è diventato mio marito. Questa mostra è unica perchè racconta l’uomo e il calciatore. Sua madre Amelia ha custodito gelosamente questi cimeli, più li guardo e più mi rendo conto di quanto lui è stato grande”. Il direttore editoriale dell’Italpress Italo Cucci, dopo aver ricordato il “Mundial” attraverso alcuni aneddoti della sua carriera di cronista, ha moderato la conferenza stampa, emozionandosi insieme agli amici di un campione che resterà per sempre nel cuore di tutti gli italiani.
– foto Italpress –
(ITALPRESS).

Vuoi pubblicare i contenuti di Italpress.com sul tuo sito web o vuoi promuovere la tua attività sul nostro sito e su quelli delle testate nostre partner? Contattaci all'indirizzo info@italpress.com