TOSCANA: AMBIENTE, PD CHIEDE LAVORI PER FIUME FRIGIDO

Gli interventi di messa in sicurezza idraulica del fiume Frigido, nel comune di Massa, devono essere velocizzati. Lo chiede una mozione presentata dal gruppo Pd in Consiglio regionale, firmatari Giacomo Bugliani e Fiammetta Capirossi, votata allunanimità dalla commissione Ambiente guidata da Stefano Baccelli (Pd).  Nel testo, illustrato da Capirossi nel corso della seduta di oggi, martedì 2 luglio, si chiede alla Giunta una accelerazione delle opere necessarie per aumentare il livello di sicurezza del territorio e proteggerlo da fenomeni di esondazione importanti (come quelle del 2012 e del 2014), che hanno provocato danni talvolta anche ingenti.  Nel dicembre 2017 la Giunta, con apposita deliberazione, ha riconosciuto la necessità di intervenire  sugli argini ritenuti inadeguati. Con un primo stanziamento di risorse (900mila euro), si è dato il via alla costruzione di paramenti di contenimento”,  ossia muri in cemento armato, alti 4,85 metri per circa 50 metri alla destra e alla sinistra del corso d’acqua, dal ponte di via Mazzini/via Mascagni. Il progetto complessivo prevede di continuare per altri 600 metri circa (costo stimato di 11milioni) e procedere ad adeguamenti idraulici e strutturali del fiume per un costo complessivo di 16milioni.  Nonostante, si ricorda nella mozione, che popolazione e istituzioni abbiano da sempre richiesto interventi di messa in sicurezza delle aree circostanti il Frigido”,  è emersa anche la necessità di prendere in considerazione limpatto visivo delle opere da realizzare. Il loro corretto inserimento nel paesaggio circostante deve però garantire lo sviluppo economico e produttivo dell’area.  La mozione impegna quindi la Giunta a “proseguire con la massima determinazione” per ultimare gli investimenti in corso e quelli programmati per la completa messa in sicurezza del Frigido attraverso soluzioni qualitative, architettoniche e paesaggistiche che tengano conto della vocazione turistica di Marina di Massa”.