PETKOVIC “ORA RIPOSIAMOCI E BATTIAMO SERBIA”

Parigi (Francia) 15/06/2016 - Euro 2016 / Romania-Svizzera / foto Insidefoto/Image Sportnella foto: Vladimir Petkovic ONLY ITALY

“Era una partita molto delicata, ma alla fine e’ andata bene”. Ai microfoni de ‘La Politica nel Pallone’, su Gr Parlamento, il ct della Svizzera Vladimir Petkovic torna sull’1-1 con cui ieri gli elvetici hanno stoppato il Brasile all’esordio nel Mondiale di ‘Russia2018′. “Nessuno ci dava alcuna possibilita’ per un risultato prestigioso, ma ci abbiamo creduto e abbiamo fatto di tutto per avere un po’ di fortuna – ha detto l’ex allenatore della Lazio – Zuber eroe nazionale? Non ci sono eroi, era solo la prima partita: abbiamo ottenuto un bel risultato contro una squadra fortissima, ma possiamo e dobbiamo fare meglio. Nel primo tempo abbiamo subito il Brasile, nel secondo, col morale alto, siamo riusciti a reagire. Non siamo entrati nel panico, ed era fondamentale”. La strada per la qualificazione e’ ovviamente ancora lunga: “Ora dobbiamo riposare bene e cercare, tra quattro giorni, di vincere contro la Serbia. Dobbiamo pensare sempre un passo alla volta, per conquistare gli ottavi dobbiamo fare piu’ punti possibili”. Il Brasile, pero’, e’ gia’ archiviato: “Penso che contro queste grandi dobbiamo restare compatti e saldi, credere sempre nelle proprie chance e tentare di segnare. A lungo andare loro sono avvantaggiate per le enormi qualita’ individuali ma chi e’ piu’ debole deve restare compatto e agire da vera squadra, con spirito positivo e vincente”. I verdeoro  restano tra i favoriti: “La loro forma e’ destinata a crescere ma, dopo la sconfitta agli ultimi Mondiali con la Germania e il pari contro di noi, avranno bisogno di una componente mentale per migliorare giorno dopo giorno”.  Ieri, ad applaudire i ragazzi di Petkovic, c’era anche il presidente della Fifa Infantino: “E’ venuto a salutarci negli spogliatoi e abbiamo scambiato qualche parola. E’ una persona che viaggia molto e vede due partite al giorno”. Detto che le fortune dei vari Neymar, Messi e Ronaldo dipendera’ da come gireranno le loro squadre, Petkovic non crede che per la Coppa possano esserci delle sorprese: “Le squadre medio-piccole possono affrontare il campionato con il sorriso e la fiducia, ma per la vittoria finale Belgio e Francia, assieme ai favoriti top, hanno i valori per essere protagonisti”. In Russia, infine, manca una big come
l’Italia: “E’ un peccato per il calcio mondiale e per l’Italia, per creare qualcosa di nuovo e di piu’ importante. L’Italia e’ capace di uscire sempre come vincitrice dalle grandi difficolta’”. (ITALPRESS).