Maldini “Contenti di Pioli, Rangnick non è da Milan”

As Roma 27/10/2019 - campionato di calcio serie A / Roma-Milan / foto Antonello Sammarco/Image Sport nella foto: Paolo Maldini

“E’ una semifinale, una partita di grande importanza: la Coppa Italia è uno dei due obiettivi della stagione e da’ accesso diretto alla Champions. Sfideremo una grande squadra, che ha dominato negli ultimi 7-8 anni, in uno stadio che sarà ancora una volta pieno: i nostri tifosi ci sono sempre molto vicini”. Alla vigilia della semifinale di Coppa Italia contro la Juventus, Paolo Maldini, direttore tecnico del Milan, auspica una prova importante dei rossoneri, all’altezza di metà derby. “Se analizziamo bene, abbiamo disputato un primo tempo fantastico, il migliore degli ultimi 5 anni, contro una squadra prima in classifica – le parole dell’ex difensore del Milan e della Nazionale a Skysport24 – Non siamo perfetti, stiamo lavorando per migliroare le nostre mancanze e per non commettere quegli errori che ti fanno perdere immeritatamente una partita”. La rosa è stata ritoccata a gennaio: “Chi è stato giovane si ricorda che quando la partita cambia ti aggrappi a chi ha maggiore esperienza. Kjaer e Ibrahimovic danno questa sicurezza ma forse è troppo poco per far crescere i nostri giovani”. “Ibra? Non è da scoprire, è un campione in qualunque campionato, da un punto vista fisico dopo due mesi e mezzo di inattività è difficile tornare e incidere in quello italiano”. Capitolo allenatore. Dalla Spagna danno per certo l’arrivo in panchina nella prossima stagione di Marcelino: stando al “Mundo Deportivo”, il 54enne tecnico ex Valencia, con cui ha centrato la qualificazione alla Champions nelle passate due stagioni prima dell’esonero a settembre per contrasti con la società, avrebbe già un accordo coi rossoneri dopo un contatto avuto un mese e mezzo fa con Maldini, oltre alla benedizione di Boban, al punto da rifiutare altre offerte. Per ora, il 51enne dt rossonero si dice “contento” di Stefano Pioli: “E’ subentrato in una situazione non facile. In una squadra che non andava bene e con poche certezze, si è imposto, ha fatto crescere i giovani e dato identità alla squadra. Da adesso a fine stagione può succedere di tutto, tutti noi viviamo di risultati e siamo contenti del suo lavoro: ci auguriamo che la seconda parte di stagione sia super per poi sederci a maggio a tavolino per programmare la prossima stagione”. I rumors parlano anche di un possibile sbarco a Milanello di Ralf Rangnick: “Come direttore di area sportiva, con il dovuto rispetto, non credo sia il profilo giusto per associarlo ad una squadra come il Milan”. Milan che, secondo Maldini, ha ancora ampi margini di crescita: “L’anno scorso siamo arrivati quinti a un punto dalla Champions, ci sono ancora le possibilità per migliorare questo risultato. Abbiamo una rosa più giovane e meno folta, non è ancora il Milan dei nostri sogni ma ci stiamo lavorando”.
(ITALPRESS).