“INVOLONTARIA”, UNA SERIE TV SULL’IMPEGNO SOCIALE

Prende il via domenica 8 dicembre alle 18,40 su MTV (canale 130 del bouquet Sky) “Involontaria”, la nuova fiction televisiva che parla di volontariato, sociale e sostenibilità ambientale. Girata tra l’Istituto dei Tumori, il Policlinico di San Donato e la Casa Sollievo Vidas, e realizzata con una produzione totalmente non profit, la serie in dieci puntate racconta, attraverso la storia di Greta (interpretata da Neva Leoni, già protagonista tra l’altro della serie “Che Dio ci aiuti”), l’impegno sociale con un linguaggio giovane e fresco. Resa possibile grazie alla collaborazione tra Officine Buone, onlus che da anni organizza spettacoli e attività ricreative negli ospedali, e Fondazione Cariplo, la fiction vuole innovare il modo di fare e di comunicare il volontariato, al fine di renderlo come un’opportunità straordinaria per i giovani di divertirsi, crescere e allo stesso tempo essere utili agli altri.
“Fondazione Cariplo è un potente connettore tra tutte le realtà del non profit lombardo – ha spiegato Paola Pessina, vice presidente di Fondazione Cariplo in occasione della presentazione di “Involontaria” -, e vuole affrontare il problema di gap generazionale che caratterizza questo mondo. Vogliamo che quel valore enorme che rappresenta il volontariato ispiri anche le giovani generazioni e per fare ciò occorre anche esplorare nuovi linguaggi. Ed è per questo che abbiamo sostenuto la produzione di Involontaria”. Tra i protagonisti della serie, oltre a Neva Leoni, anche alcuni cantanti come Levante e Lodo Guenzi, cantante dello Stato Sociale. “Grazie alla prima stagione della serie, sono stati ben sei gli ospedali italiani che ci hanno avvicinato per proporre nei loro istituti i nostri spettacoli musicali – ha spiegato Ugo Vivone, fondatore della onlus Officine Buone -. Al di là del successo televisivo, per quesa nuova serie la principale soddisfazione sarebbe quella di vedere aumentare in modo importante il numero dei giovani che fanno volontariato”.
(ITALPRESS).