Tokyo2020 verso rinvio: il Cio deciderà entro un mese

La decisione del Comitato olimpico internazionale sui Giochi di Tokyo 2020 arriverà entro quattro settimane. Con un lungo comunicato al termine della riunione odierna dell’Esecutivo, organizzata in videoconferenza vista l’emergenza sanitaria per la diffusione del Covid-19, il Cio ha ufficializzato quanto era nell’aria già da qualche giorno: nonostante i preparativi per l’Olimpiade procedano con l’obiettivo di essere pronti per il 24 luglio, a Losanna stanno studiando da giorni l’eventuale alternativa. Al momento, però, il Cio ha una sola certezza: “La cancellazione dei Giochi non risolverebbe alcun problema e non aiuterebbe nessuno, pertanto non è nella nostra agenda”, ha spiegato il presidente Thomas Bach in una lettera inviata agli atleti di tutto il mondo. Nessuna cancellazione, dunque, ma l’ipotesi rinvio è sul tavolo e, visto il dilagare della pandemia, acquista ogni giorno che passa maggiore forza. “In questo crisi senza precedenti noi siamo uniti – ha scritto Bach agli atleti – Come voi, siamo tutti molto preoccupati. Le vite umane hanno la precedenza su ogni cosa, inclusa l’organizzazione dell’Olimpiade. Ciò che condividiamo in questo momento è un’incertezza tremenda e noi vogliamo fare la nostra parte: il nostro principio cardine è la salvaguardia della salute e vi assicuro che ogni decisione sui Giochi si atterrà a tale principio”. Ma quale sarà la scelta finale? Nella lettera Bach ribadisce in sostanza quanto emerso in settimana: in questo momento il Cio non può decidere. “L’incertezza che viviamo scuote i nostri nervi, solleva dubbi sul futuro e distrugge la speranza – ha ammesso il dirigente tedesco – Nessuno può davvero fare previsioni affidabili sulla durata di questa lotta contro il virus: per questo ci affidiamo ai consigli di un task torce che include l’Organizzazione mondiale della sanità. In piena collaborazione con il Comitato organizzatore di Tokyo2020, le autorità giapponesi e il governo metropolitano di Tokyo, abbiamo avviato dei confronti sulla situazione sanitaria e sull’impatto sui Giochi Olimpici, compresa l’ipotesi del rinvio”. La decisione, assicura Bach, arriverà entro quattro settimane. Tra i “diversi scenari” valutati dal Cio, c’è innanzitutto la possibilità di un rinvio dei Giochi a fine agosto, la data attualmente occupata dalle Paralimpiadi che slitterebbero avanti di un mese. Ma a Losanna stanno studiando anche il piano C, che prevede l’organizzazione dei Giochi nel mese di ottobre. Al momento questa sembra l’ipotesi più forte, Covid-19 permettendo. “Le informazioni attuali ci dicono che una decisione finale sulla data delle Olimpiadi sarebbe oggi prematura”, ha ribadito Bach ricordando peraltro che il rinvio, “contrariamente ad altri eventi sportivi, è una sfida estremamente complessa” per la vastità dei problemi logistici e organizzativi, dalle prenotazioni alberghiere alla necessità di modificare i calendari internazionali di molti sport. “Ma siamo fiduciosi di trovare una soluzione entro quattro settimane”, ha assicurato Bach agli atleti, nella speranza che “la fiamma olimpica possa essere la luce alla fine di questo tunnel buio che stiamo attraversando”.
(ITALPRESS).