Assopopolari rafforza l’impegno antiriciclaggio

BANCONOTA BANCONOTE EURO SOLDI DENARO CINQUECENTO 500 DUECENTO 200 CENTO 100 CINQUANTA 50 VENTI 20 DIECI 10

I rapporti su transazioni sospette trasmessi alle autorità statunitensi ma riguardanti banche di tutto il mondo sarebbero 2.100 secondo un rapporto dell’Icij, un consorzio internazionale di giornalisti investigativi che ha diffuso i cosiddetti FinCen files. La notizia, passata quasi inosservata, riaccende un faro sulla piaga del riciclaggio che riguarda principalmente le grandi banche dell’eurozona soggette alla Vigilanza della Bce, sebbene poche siano le segnalazioni – e di importi modesti – che riguardano le banche italiane grazie anche ai controlli della Banca d’Italia. L’Associazione fra le Banche Popolari, considerando da sempre la delicatezza e l’importanza di tale tematica, ha pubblicato una versione aggiornata del volume “L’A,B,C, dell’antiriciclaggio”. La nuova edizione si è resa necessaria in quanto la normativa, nel corso degli ultimi anni, ha visto una progressiva evoluzione con l’adozione, e conseguente recepimento, della IV e V Direttiva Ue e con i relativi provvedimenti della Banca d’Italia, principalmente in materia di adeguata verifica della clientela, organizzazione, procedure e controlli, comunicazioni oggettive, conservazione e messa a disposizione dei documenti, dei dati e delle informazioni.

“Abbiamo voluto fornire – ha affermato il segretario generale di Assopopolari, Giuseppe De Lucia Lumeno – un quadro di insieme della regolamentazione offrendo una guida agile che raccoglie i più recenti sviluppi della normativa. Con un linguaggio chiaro e lineare, i diversi aspetti applicativi e operativi degli obblighi antiriciclaggio sono a disposizione di tutti gli operatori che devono conoscere e applicare le nuove norme nel quotidiano svolgimento delle loro attività. Un’ulteriore dimostrazione della sensibilità del sistema del credito popolare per curare una piaga profonda del sistema finanziario e sociale che con l’attuale crisi rischia seriamente di incancrenirsi”.

(ITALPRESS).