Altro bronzo Italia ai Mondiali juniores di taekwondo

ROMA (ITALPRESS) – Brilla ancora l’Italia al Mondiale juniores di taekwondo: Giulia Maggiore conquista la medaglia di bronzo nella -68 kg. Proprio nel giorno di chiusura della rassegna iridata alla Armeec Arena di Sofia, in Bulgaria, ecco dunque che arriva la quarta medaglia azzurra dopo l’oro di Angelo Mangione (-68 kg) e il bronzo vinto rispettivamente da Giulia Galiero (-44 kg) e Anna Cuorvo (-52 kg).
Il 3 ottobre del 2019, dopo aver vinto il bronzo agli Europei cadetti nella -59 kg, a soli 14 anni, Giulia Maggiore l’aveva promesso: “il mio sogno continua nella classe juniores!”. Detto, fatto. A distanza di due anni è riuscita a riconfermarsi. Un percorso brillante il suo che l’ha vista dominare le eliminatorie superando 2-0 i sedicesimi contro l’algerina Fedwa Amenouche in un incontro a senso unico e 2-0 gli ottavi contro la statunitense Makaela Usserman riuscendo a dilagare nel punteggio e dando prova di avere uno stato di forma impeccabile nonostante gli incontri ravvicinati. Il quarto di finale inizia in salita per l’azzurra che contro la tedesca Julika Zimmerling non riesce ad imporre il proprio ritmo in un primo round dove le due atlete si studiano senza però riuscire a dilagare. Ai punti la spunta l’azzurra che riesce così a portare il parziale sull’1-0. Nel secondo round la fatica e la tensione iniziano a farsi sentire con l’azzurra che va in svantaggio riuscendo però a mantenere il distacco di pochi punti. A otto secondi dal termine arriva però la reazione di Giulia che riesce a colpire la tedesca con una serie di calci da due punti che le consentono prima il pareggio e poi il sorpasso allo scadere del gong. In semifinale l’azzurra è costretta a cedere alla coreana Hyo rim Hong che domina entrambi i round vincendo 0-2. Giulia Maggiore si mette così al collo la medaglia di bronzo durante la sua prima esperienza iridata.
Bilancio soddisfacente quello tracciato dal presidente della Fita, Angelo Cito: “E’ stato un mondiale che ci ha visto protagonisti con una squadra giovanissima e competitiva in quasi tutte le categorie. Si torna a casa dalla Bulgaria con un oro e ben 3 bronzi nelle categorie juniores e due bronzi in quelle dei cadetti. Bronzi che potevano benissimo essere qualcosa in più visto che tutti gli azzurri hanno mancato per un soffio la finale. L’Italia è l’unica nazione europea a conquistare una medaglia d’oro nel mondiale maschile juniores con un Angelo Mangione immenso che ha sbaragliato tutti i suoi avversari. Nessuno ha saputo far meglio. Inarrivabile il dominio asiatico in questa edizione di un mondiale che ha visto la presenza di 165 nazioni e otre 1500 atleti, numeri impressionanti a testimonianza della crescita del taekwondo a livello mondiale”.
Foto FITA – Denis Sekretev
(ITALPRESS).

Vuoi pubblicare i contenuti di Italpress.com sul tuo sito web o vuoi promuovere la tua attività sul nostro sito e su quelli delle testate nostre partner? Contattaci all'indirizzo info@italpress.com