Agricoltura, nuovo programma di promozione del vino della Sardegna

RACCOLTA DELL'UVA GRAPPOLO GRAPPOLI D'UVA OPERAIA AGRICOLA VIGNETO, OPERAIE AGRICOLE, VENDEMMIA, LAVORATRICE, LAVORATRICI, BRACCIANTE, BRACCIANTI

CAGLIARI (ITALPRESS) – L’Assessora all’Agricoltura Gabriella Murgia ha emanato tre decreti di particolare rilevanza per il settore vitivinicolo, apistico e cerealicolo della Sardegna. Il decreto sul settore vitivinicolo relativo alla Misura “Promozione del vino nei paesi terzi” precede l’imminente pubblicazione del bando da parte dell’Assessorato dell’agricoltura. L’intervento è finanziato con risorse comunitarie e con fondi integrativi regionali, nell’ambito del Programma nazionale di sostegno del settore vitivinicolo. La dotazione finanziaria comunitaria fissata per l’annualità 2021/2022 è pari a euro 1.890.388, dalla quale dovrà essere decurtata la somma per finanziare il saldo per i progetti presentati nell’annualità 2020-2021, pari a circa 250.000 euro. Sono inoltre stanziati fondi regionali integrativi destinati a finanziare le azioni di promozione di marchi collettivi (DOCG, DOC e IGT), pari a ulteriori 260.800 euro.
La quota di cofinanziamento a carico dei soggetti proponenti è pari al 50% delle spese sostenute, ma può essere elevata al 80% se i progetti sono finalizzati alla promozione di marchi collettivi (DOCG, DOC e IGT). La Regione Sardegna è una tra le poche regioni che consente di elevare, tramite risorse regionali, il cofinanziamento pubblico fino all’80%.
Il decreto assessoriale sul programma apistico regionale fa seguito alla ripartizione ministeriale dei finanziamenti del “Programma nazionale triennale per il miglioramento della produzione e commercializzazione dei prodotti dell’apicoltura”, che ha attribuito alla Regione Sardegna risorse finanziarie pari a euro 304.227 per l’anno apistico 2020/2021 (risorse comunitarie e risorse statali). L’o stanziamento è superiore di circa euro 100.000,00 rispetto alla precedente annualità. Il decreto ha pertanto rimodulato tra le diverse misure la dotazione assegnata, tenendo conto delle percentuali assegnate nella delibera. Al decreto seguirà la pubblicazione, da parte degli uffici dell’Assessorato, di un avviso con disposizioni dettagliate per la presentazione delle domande di sostegno. L’Assessorato ha inoltre avanzato una proposta per inserire nella legge di assestamento del bilancio 2021 una norma atta a garantire il ristoro degli imprenditori agricoli che hanno subito danni a seguito degli incendi verificatisi tra il 23 ed il 30 luglio 2021, inclusi gli apicoltori.
Per quanto riguarda gli accordi di filiera del grano duro, l’assessora Murgia ricorda che la legge di bilancio 2020 aveva stanziato 800.000 euro per l’annualità 2020/2021 a favore dei cerealicoltori che aderiscono ad accordi di filiera per la valorizzazione del grano duro coltivato in Sardegna, incrementando in tal modo la dotazione finanziaria residua degli anni precedenti per la medesima finalità. Il decreto assessoriale del 27 ottobre ha modificato i termini per la concessione dei premi ai cerealicoltori, inizialmente previsti dalla deliberazione della Giunta regionale n. 47/44 del 24 settembre 2020. Considerate le difficoltà rappresentate dagli operatori nella presentazione delle domande e la conseguente richiesta di proroga dei termini, il decreto ha infatti previsto una diversa tempistica, che tiene anche conto del passaggio del procedimento di istruttoria dall’Agenzia Argea all’Agenzia Laore. I termini sono stati così modificati: 28 febbraio 2022: termine ultimo per la valutazione delle domande di aiuto e per la pubblicazione dell’elenco delle domande ammissibili. 15 marzo 2022: scadenza presentazione delle domande di pagamento. 15 maggio 2022: completamento iter di valutazione delle domande di pagamento. 30 giugno 2022: termine ultimo per la liquidazione dei beneficiari.
(ITALPRESS).