OROSCOPO
martedì 19 febbraio 2019
Universita di Bari Aldo Moro

LA GIORNATA MONDIALE DEL RIFUGIATO ALLA FESTA D'ESTATE UNIBA

20 giugno 2017

La Festa d'estate Uniba inizia con la giornata del rifugiato, la festa dei popoli, attraverso l'affermazione di valori forti come l'inclusione, l'integrazione e del confronto interculturale. Nel pomeriggio, infatti, una delle piazze dell'Università degli Studi di Bari si è trasformata in un palcoscenico di incontro e confronto, in occasione della Giornata mondiale del Rifugiato, e in occasione per parlare delle iniziative messe in campo dall'Ateneo barese, presentare la II Edizione dello Short Master in "Immigrazione, diritto e pratiche di inclusione" che si svolgerà nel Dipartimento di Scienze della Formazione, Psicologia e Comunicazione e illustrare il nuovo bando per 100 Borse di Studio Crui-Ministero dell’Interno riservato a titolari di protezione internazionale per l'anno accademico 2017-18. 

“Il modello che stiamo proponendo - ha detto il rettore Antonio Uricchio - è un modello di confronto interculturale, ma anche di festa e di gioia. E riteniamo che questo possa far crescere la nostra comunità accademica. E non è un caso che la festa d'estate oggi inizi proprio con la festa del rifugiato, con un momento anche importante che ha un valore che va ben al di là anche del momento culturale, perché - ha aggiunto Uricchio - è un momento forte di affermazione dell'idea dell'inclusione e soprattutto della volontà di promuovere anche attraverso questa nostra Università così aperta, un'apertura al mondo". "La presenza di Assuniba, l'associazione degli studenti stranieri - ha spiegato - è per noi un motivo di soddisfazione". 

Nel corso dell'evento, è stata anche consegnata, per la prima volta a livello nazionale, la qualifica regionale di mediatore interculturale a due titolari di protezione internazionale e utenti del C.A.P. - Centro di Servizio di Ateneo per l'apprendimento permanente dell’Università degli Studi di Bari “Aldo Moro”. "Il riconoscimento a due ragazzi rifugiati del titolo di mediatore - ha detto Uricchio - è un successo straordinario, poi il supporto e il sostegno della Banca Mondiale (presente all'evento, ndr) ci dà ancora la forza per poter promuovere sempre più iniziative. Essere protagonisti di una vicenda umana facilita anche il percorso di integrazione, inclusione e confronto interculturale". Tanti gli eventi dell'estate Uniba, che si è aperta oggi in occasione del solstizio d'estate. "Un ricco cartellone - ha continuato il rettore - perché l'Università è soprattutto questo, un luogo di confronto, un luogo in cui si cresce insieme e si propongono contenuti di carattere culturale. La socialità e la forza della cultura possono vincere anche rispetto a logiche divisive e di odio che talvolta penetrano in tanti contesti. Abbiamo voluto che le piazze dell'Università - ha ribadito Uricchio - fossero i luoghi di questo confronto, perché fossero vissute e non percepite un luogo in cui possa accadere qualcosa di spiacevole. Estate Uniba - ha concluso - è un momento per riaffermare per la propria identità e per coinvolgere i giovani". 

La Banca Mondiale ha messo a punto un anno e mezzo fa un progetto con il Ministero dell'Interno e l'Ue, con lo scopo di vedere oltre l'emergenza. Quindi, una volta in Italia, i rifugiati possono cercare di capire cosa si può fare nel medio e lungo termine sotto l'aspetto dell'integrazione. Il progetto si è sviluppato attraverso le interviste ai protagonisti, in modo da raccogliere più informazioni possibili per poter integrare una persona.

 

 

Share |


Commenti disabilitati per questo articolo

etichetta

Uniba news

etichetta

Università di Bari su Facebook


etichetta

Università di Bari su Twitter



etichetta

Università di Bari A. Moro su YouTube

  • Giornata della trasparenza ...
  • The Shape of Culture. 1° d...

vedi altri video »