giovedì 18 luglio 2019
Pontificio Consiglio della Cultura - Dipartimento Cultura e Sport

ROME HALF MARATHON VIA PACIS, DOMENICA SI PARTE

13 settembre 2017

Domenica 17 settembre prende il via da Piazza San Pietro la Rome Half Marathon Via Pacis. La manifestazione, promossa da Roma Capitale e dal Pontificio Consiglio della Cultura, Dicastero della Santa Sede, in collaborazione con la FIDAL - Federazione Italiana di Atletica Leggera - con il Patrocinio del CONI e del CIP, è stata presentata nella sede Rai di via Asiago alla presenza, tra gli altri, della sindaca di Roma Capitale Virginia Raggi e dell'Assessore allo Sport, Politiche Giovanili e Grandi Eventi Daniele Frongia. "Oggi le differenze religiose sono alla base di discriminazioni. Con questa manifestazione vogliamo lanciare un messaggio di pace a tutto il mondo", ha affermato la sindaca. Pace, solidarietà, inclusione, partecipazione sono le parole chiave che accompagnano il messaggio dell'evento che, anche attraverso i social network e l'hashtag ufficiale #IoCorroPerché, vuole promuovere il dialogo interreligioso e interculturale. "La pace va perseguita con forza. L'idea di questa maratona nasce due anni fa con l'assessorato allo sport del Comune: non toccheremo sette luoghi di culto, ma vogliamo ripercorrere il pellegrinaggio delle sette chiese declinato nella Roma di oggi". Queste le parole di Monsignor Melchor Sanchez de
Toca, sottosegretario del Pontificio Consiglio della Cultura. Si tratta di una mezza maratona (21km) per i più allenati e di una 5 chilometri aperta a tutti, in cui ognuno con il suo passo e la sua voglia di esserci può dare la sua testimonianza, come hanno già fatto anche tanti volti noti dello spettacolo come Nicola Piovani, Lino Banfi, Ricky Tognazzi, Gigi D'Alessio, Anna Falchi, Simona Izzo, Elena Sofia Ricci, Massimo Giletti, Marco Liorni, Massimiliano Ossini, Jimmy Ghione, Emanuela Aureli, Luana Colussi, e per l'atletica azzurra Stefano Baldini, Fabrizio Donato, Valeria Straneo, Gianmarco Tamberi e Silivia Salis. I 21,097 chilometri del percorso sono unici al mondo perché uniscono i più importanti luoghi di culto religiosi della città con le bellezze architettoniche e archeologiche. La mezza maratona è valida come 1° Campionato Italiano Forense e come prova unica sulla mezza maratona del Campionato AIA Referee Run. Gli iscritti sono 1895, dei quali il 12% provenienti da 42 nazioni differenti, e i restanti dall'Italia con molti atleti di calibro internazionale ai nastri di partenza. Il Paese più rappresentato è la Polonia, seguita da Filippine e Germania. La gara parte alle 9 da piazza San Pietro, da dove, con la Basilica alle spalle dei corridori, si arriva ai Lungotevere, dai Fiorentini ai Pierleoni, passando davanti la Sinagoga fino ad entrare nel cuore della Roma Imperiale: piazza Bocca della Verità, via dei Cerchi, dove si lambisce la Chiesa Ortodossa, via Di San Gregorio, piazza del Colosseo e via dei Fori Imperiali. Poi si passa per il centro storico, piazza della Madonna di Loreto, piazza Venezia, via del Corso, piazza Augusto Imperatore e passeggiata di Ripetta, tornando sui lungotevere da Arnaldo da Brescia a Flaminio. Ci si immerge nel quartiere Flaminio e nel Villaggio Olimpico, si transita davanti la Moschea e si entra quindi nel Parco del Foro Italico passando davanti la sede del Coni. Popi di nuovo i lungotevere fino ad entrare nel quartiere Prati, passando davanti la Chiesa Valdese di piazza Cavour, e da via della Traspontina a via della Conciliazione fino all'arrivo.
Nella prova breve sono previsti quattromila partecipanti, tra i quali diversi gruppi di comunità straniere presenti a Roma e delle comunità religiose cristiane, ebraiche, musulmane e valdesi. Anche qui corridori di rilievo con diversi azzurri della corsa su strada a sostegno dell'evento. La corsa parte alle 9.20 sempre da piazza San Pietro, poi si sviluppa sui lungotevere dai Fiorentini ai Pierleoni, si entra nel centro storico da via del Teatro Marcello, si passa per piazza Venezia, piazza del Gesù, largo di Torre Argentina, corso Vittorio Emanuele II e si arriva in via San Pio X. Ma non si va solo di corsa per affermare l'integrazione e la pace: l'arte e la cultura, la bellezza e il sapere scendono a loro volta in strada e partecipano agli eventi. Ed ecco dunque che gli otto musei a ingresso gratuito capitolini (Barracco, Mura, Casal de' Pazzi, Villa di Massenzio, Museo della Repubblica Romana, Napoleonico, Bilotti e Canonica) attendono per una visita i partecipanti, ed è gratuito anche l'ingresso al Museo di Roma in Palazzo Braschi dove è in corso anche la mostra Piranesi. La Fabbrica dell'Utopia. La Rome Half Marathon Via Pacis sostiene un progetto di solidarietà. L'Amministrazione di Roma Capitale indirà un bando di concorso e il premio verrà assegnato dal Comitato d'Onore al miglior progetto che rifletta lo spirito dela Via Pacis: uno sport educativo per l'inclusione e l'integrazione interculturale e interreligiosa. Le iscrizioni per la mezza maratona di 21,097 km si sono chiuse lunedì 11 settembre. Per la 5 km ci si può iscrivere fino al 16 settembre sia online e sia al Villaggio Via Pacis che è allestito dal 14 al 16 settembre a piazza del Popolo e dove sono in calendario eventi e spettacoli.
(ITALPRESS).

 

Share |


Commenti disabilitati per questo articolo

I nostri blog


etichetta

SU FACEBOOK:


etichetta

I Tweet del Cardinale Ravasi





etichetta

Sport e Chiesa su YouTube