OROSCOPO
giovedì 21 giugno 2018
Parlamento Europeo

POGLIESE "SERVE RUOLO PIÙ INCISIVO UE IN MEDIORIENTE"

16 dicembre 2017

Cosa leggeranno i nostri nipoti sui libri di scuola? L'Italia e l'Europa hanno effettivamente svolto un ruolo da protagonisti nello scacchiere mediorientale? Cosa sta accadendo nella Turchia di Erdogan? E la Siria con le refluenze che il conflitto ha determinato? I flussi migratori? L'espansione dello Stato Islamico? Il rischio terrorismo? Ne hanno discusso, a Catania, l'europarlamentare di Forza Italia-Ppe Salvo Pogliese, il professore Alexandre Del Valle, politologo e saggista francese di fama internazionale, Salvo Andò, costituzionalista e profondo conoscitore della politica estera italiana ed europea e Stefania Panebianco, docente di Scienze Politiche all'Università di Catania. Il dibattito è stato moderato dall'avvocato Massimiliano Giammusso.

"Credo che il ruolo dell'Europa in Medioriente - ha spiegato Pogliese - non sia stato per nulla incisivo in quel contesto strategico del nostro mondo. Laddove l'alto rappresentante della Commissione Europea, Federica Mogherini, non si è certamente caratterizzata come avrebbe potuto e dovuto. Probabilmente verrà più ricordata per l'accordo nefasto sull'olio con la Tunisia. L'Europa ha una funzione strategica e deve cercare di trovare la giusta sintesi tra i ruoli che la Russia ad esempio ha conquistato sul campo con quelli che la Nato deve necessariamente svolgere".

In un momento così delicato nel panorama internazionale è quindi importante parlare di geopolitica. "Se il disordine che oggi regna è un disordine globale - ha sottolineato Andò - gli strumenti attraverso cui riportare l'ordine devono essere globali cioè devono coinvolgere il maggior numero possibile di attori. Contano la Cina, l'India, gli Stati Uniti e l'Europa se vuole essere un attore importante deve fare cose importanti. Occorre che ci sia una politica mediterranea dell'Europa nella sua interezza. Di fronte alla prospettiva di una nuova guerra fredda il Mediterraneo pare destinato a divenire teatro di grande interesse strategico con riferimento al confronto-competizione tra Russia e Stati Uniti. Una situazione in continua evoluzione in cui l'Ue deve mettere in atto una politica seria".

In un mondo globalizzato, tuttavia, l'errore è stato quello di accogliere migliaia di migranti senza potere dare loro garanzie come ha spiegato il politologo francese Alexandre Del Valle: "I nostri nipotini magari leggeranno che la classe dirigente politica dagli anni Settanta ad oggi, che ha governato questi paesi europei è stata totalmente irresponsabile facendo venire a casa nostra milioni di persone a cui non è stata capace di dare lavoro, che non ha saputo fare integrazione, né trasmettere i nostri valori. Succede così che invece di avere i problemi solo nel Medioriente li abbiamo in casa. Lo Stato Islamico, l'Isis non è più un problema dell'estero, dell'Oriente, ma di Palermo, Parigi, Londra. Non è l'immigrazione in se stessa che è pericolosa, ma ciò che è pericoloso è un'immigrazione non integrata".

Durante il dibattito è stata la professoressa Panebianco a rilevare come "il 2017, anno del sessantesimo anniversario dell’adozione dei 'Trattati di Roma', ha segnato il rilancio del dibattito sul processo di integrazione, sul destino dell’Ue e sulle ragioni dello stare insieme. Su più fronti, politico-istituzionale e accademico, si sta provando a trovare una risposta alla questione ‘Quo vadis Europa?’. Il Medioriente può offrire, alla luce di un approccio operativo-pragmatico che l’Unione Europea sembra aver ribadito in occasione del Consiglio Europeo del 14-15 dicembre, uno slancio necessario e inevitabile per l’esistenza stessa dell’Unione".

 


Share |



Deputati

etichetta

Parlamento Europeo su Facebook


etichetta

Parlamento Europeo su Twitter



etichetta

Parlamento Europeo su YouTube

  • Coming up in Brussels: from...
  • From seats in Parliament to...

vedi altri video »


etichetta

Parlamento Europeo su Flickr

  • The EU needs to under-promise and over-deliver, says Dutch PM
  • The EU needs to under-promise and over-deliver, says Dutch PM
  • The EU needs to under-promise and over-deliver, says Dutch PM
  • The EU needs to under-promise and over-deliver, says Dutch PM
  • The EU needs to under-promise and over-deliver, says Dutch PM
  • The EU needs to under-promise and over-deliver, says Dutch PM
  • The EU needs to under-promise and over-deliver, says Dutch PM
  • The EU needs to under-promise and over-deliver, says Dutch PM
  • The EU needs to under-promise and over-deliver, says Dutch PM
  • The EU needs to under-promise and over-deliver, says Dutch PM
altre foto Parlamento Europeo su Flickr