OROSCOPO
domenica 24 marzo 2019
logo

RIFORMA FISCO NON SI PUÒ RINVIARE

22 gennaio 2019

Ci sono più motivazioni che spingono i governanti a non affrontare il tema annoso delle tasse, anzi ad aumentarle, quando devono stilare il documento di politica economica e finanziaria. In primo luogo non vogliono sfidare i Sindaci e Presidenti delle regioni, loro grandi elettori, che nel caso di riduzioni, sono i primi a dover mettere in conto, dimagrimenti dei loro programmi. L’altra motivazione, è che i governi nazionali, dovrebbero a quel punto, sobbarcarsi di problemi complicati, riguardo le politiche di crescita derivanti dalle produzioni industriali e dei servizi.

Molto più agevole è promettere provvidenze al proprio elettorato di riferimento; magari raschiando...

Continua a leggere

PARTI SOCIALI CHIEDANO AL GOVERNO CONFRONTO VERO SULLA CRESCITA

6 gennaio 2019

Ecco che con il nuovo anno si riprende il cammino della vita nazionale, che si auspica più regolare di quello passato, fatto di enfasi su tanti argomenti fuorvianti, con il risultato di esserci esposti, ancor più di prima: più debiti, meno lavoro, più tasse. Ma i guai possono persino crescere, qualora i cittadini e le loro organizzazioni politiche e sociali non dovessero impegnarsi con forza per spingere a spostare l’asse delle attenzioni sulla salute dell'economia. Il governo ha gravi colpe per aver sprecato un pozzo di miliardi per inseguire le proprie proposte elettorali, agevolato dall’opposizione. Ma anche le associazioni sociali...

Continua a leggere

MANOVRA, CONTO SALATO PER IL PAESE

20 dicembre 2018

Se teniamo conto del tempo, dei toni, e passioni usati in tutti questi mesi, ci si sarebbe aspettati la definizione di un ‘new deal italiano’. Invece, da quello che emerge, le decisioni prese, hanno riguardato soluzioni così lontane da quelle annunciate, da mettere in conto a breve, malumori dei cittadini: di quelli che li volevano e di quelli che le osteggiavano. E tuttavia il Governo precisa e riprecisa che reddito di cittadinanza e superamento Fornero sono stati realizzati. 

Ma il conto finale di questa lunga e rumorosa storia, è molto salato: ci sono costati sensibilmente in più, per finanziare il nostro...

Continua a leggere

GOVERNO NON GUARDI SOLO I SONDAGGI

28 novembre 2018

Dalle mie parti, un vecchio adagio dice, “quando la neve si squaglia, si vedono i buchi”. Quest’immagine ben rappresenta lo scenario economico-politico di questi giorni. Il senso dell’incontro avvenuto tra il presidente della Commissione Jean Claude Juncker e il presidente del Consiglio Giuseppe Conte, ben descrive la situazione in cui ci troviamo, per una possibile trattativa per smussare una manovra finanziaria, che per ora è sostanzialmente solo pro-ciclica. Ormai siamo al dunque delle cose, con il Pil in prospettiva stimato dalle agenzie di rating internazionali, tre misure in meno di quelle dichiarate dal Governo, e dalla classificazione dei titoli italiani...

Continua a leggere

STATI UNITI D'EUROPA META DEL FUTURO

10 novembre 2018

Domani, decine di capi di Stato, saranno a Parigi per commemorare la conclusione della Prima guerra mondiale, degli accadimenti drammatici che coinvolsero l’Europa e gli Stati Uniti d’America, comprese le colonie delle potenze belligeranti. In quel conflitto persero la vita 17 milioni di persone e 20 milioni furono i feriti. Mai una guerra provocò tanti lutti e presto ne provoco un’altra appena vent’anni dopo, per carichi insostenibili che i vincitori imposero ai vinti. Nel tempo, poi, incubò un odio popolare che i nazisti seppero ben utilizzare nei loro propositi di revanscismo. Quindi, da una rovinosa e inedita esperienza bellica, si...

Continua a leggere

etichetta

Lifestyle