OROSCOPO
martedì 21 novembre 2017

LOTTI "SISTEMA CALCIO DA RIFONDARE"

14 novembre 2017

"Credo sia opportuno davvero sfruttare questa occasione per rifondare del tutto il calcio italiano". Questo il messaggio lanciato dal ministro dello Sport, Luca Lotti, dopo la mancata qualificazione dell'Italia ai Mondiali di calcio del 2018. "Non abbiamo scoperto ieri, con la partita contro la Svezia, che qualcosa non va - ha aggiunto Lotti entrando nella sede del Coni per partecipare alla presentazione del nuovo stadio dell'Atalanta - Siamo usciti al primo turno negli ultimi due Mondiali, non si riescono a eleggere i presidenti della Lega di A e di B. Insomma c'è molto da fare. È un problema che riguarda tutti, anche culturale: come si insegna a fare calcio, come i genitori stanno in tribuna. Lo dico anche da umile allenatore di provincia: forse è il caso di ripartire da lì, dalla base. Se mi aspettavo posizioni diverse da parte di Ventura e Tavecchio? Spetta a loro prendere delle decisioni. Tutti devono fare la loro parte, ciascuno per il proprio compito. Come governo stiamo provando a dare una mano al calcio con la riforma dei diritti televisivi. C'è ancora molto da fare, dobbiamo farlo tutti insieme".
Dal ministro Lotti al presidente del Coni, Giovanni Malagò. “Ho sentito Carlo Tavecchio questa mattina – ha spiegato il numero 1 del comitato olimpico – gli ho chiesto quali sono le sue intenzioni: per domani alle ore 16 ha convocato un incontro con le rappresentanze delle componenti e delle varie leghe. Lui è padrone di assumersi le responsabilità perché non ci sono strumenti diversi: io mi dimetterei perché facendo così può attestare anche la validità delle cose buone fatte, dalla crescita delle squadre giovanili allo sdoganamento della Var”. Le dimissioni di Tavecchio, però, non sono obbligate: “Abete e Prandelli andarono via? Non c’è una regola, non c’è una obbligatorietà – ha dichiarato Malagò – Alcuni presidenti federali e allenatori sono rimasti al loro posto, si sono assunti questa responsabilità, altri invece hanno deciso di lasciare. Sono scelte della propria coscienza. Se il signor Tavecchio ritiene, magari dopo l’incontro di ieri, di essere la persona maggiormente deputata per portare avanti il nuovo corso della Federcalcio, si assume la responsabilità di questa decisione”.
“Oggi il presidente del Coni può commissariare una Federazione in tre casi: mancato funzionamento della giustizia sportiva, non regolarità dei campionati, gravi irregolarità amministrative, sostanzialmente di carattere finanziario. Oggettivamente nel caso della Federcalcio non esiste nessuno di questi tre fattori: non ci sono gli strumenti giuridici, formali, tecnici e procedurali per portare avanti un commissariamento”. Questa la precisazione del presidente del Coni, Giovanni Malagò, dopo la mancata qualificazione dell’Italia ai Mondiali di Russia 2018. “Poi c’è un altro discorso, non scritto in queste norme, che riguarda la sfera delle competenze sportive, delle responsabilità – ha aggiunto il numero uno dello sport italiano a margine della presentazione dello stadio dell’Atalanta, al Foro Italico – Ci sono fattori oggettivi, sotto gli occhi di tutti. Dal 1958 non avevamo mai mancato la qualificazione ai Mondiali: tra l’altro all’epoca andavano 16 squadre, quindi la finestra era molto più stretta mentre ora ci sono molte più possibilità. Oltretutto dal 2006 in avanti la nazionale non ha ottenuto grandi risultati. Poi c’è l’under 21, che negli ultimi mesi ha dato segnali importanti, ma anche lì abbiamo vissuto una grande delusione per le mancata qualificazione alle ultime edizioni dei Giochi Olimpici”.
(ITALPRESS).


Share |



LEADER ITALIANA DELL’INFORMAZIONE SPORTIVA
Ogni giorno Italpress fornisce un notiziario aggiornato in tempo reale con circa 300 news, servizi e approfondimenti su tutte le discipline, comprese quelli “minori” che le agenzie tradizionali non trattano. La qualità editoriale è altissima, i plus esclusivi: la cronaca, il commento e i tabellini completi di tutte le partite diurne e notturne entro 15 minuti dal fischio finale.

TUTTI GLI SPORT
Calcio, Formula 1, moto, ciclismo, basket, tennis, volley, rugby, nuoto e pallanuoto, pallamano. Ma anche atletica, boxe, baseball, canottaggio, golf, ginnastica, judo, karate, lotta, scherma, equitazione, sci, pattinaggio su ghiaccio, tiro con l’arco, vela.

OGNI GIORNO
Un notiziario quotidiano sul Campionato e le squadre di calcio di serie A, le principali notizie sulla serie B, eventi e curiosità fino alla D, tabellini di calcio della serie A, B, Prima e Seconda Divisione e serie D, risultati, classifiche, formazioni, prossimi turni e calendari di tutte le manifestazioni sportive.

EVENTI
Una rete di inviati segue regolarmente tutte le trasferte della Nazionale in Italia e all’estero, i Campionati di serie A e B, Olimpiadi, Mondiali, Europei, Giro d’Italia e Tour de France, Coppa Davis. I servizi speciali sono forniti senza costi aggiuntivi per gli abbonati.

GRANDI FIRME
Le principali attività sportive e i grandi eventi vengono sottolineati quotidianamente dalla penna di noti opinionisti del giornalismo e del mondo sportivo italiano.

GOSSIP
Il “dietro le quinte” di tutti gli sport: curiosità dagli spogliatoi e dalle panchine, esoneri e infortuni, indiscrezioni dai centri di potere, incontri e trattative, love story dei campioni.

I PLUS ITALPRESS POLITICA & SPORT
Tutte le connessioni tra il Potere e lo sport. Direttamente dai “palazzi” delle federazioni, notizie fresche e indiscrezioni sulle decisioni, le leggi e le direttive che governano lo sport agonistico e federale. Interviste, opinioni e interventi dei personaggi che contano.

BUSINESS & SPORT
Tutto ciò che collega lo sport all’economia italiana e mondiale. Quotazioni in Borsa delle squadre sportive, sponsorizzazioni, calciomercato. Dati, cifre, movimenti, contratti.