OROSCOPO
giovedì 19 ottobre 2017

SUPER DOVI STANA MARQUEZ IN AUSTRIA, CRISI YAMAHA

13 agosto 2017

Un duello all'ultimo respiro, di quelli che vorresti non finissero mai. Sul Red Bull Ring di Spielberg, Andrea Dovizioso e Marc Marquez se le suonano di santa ragione, con tanto di 'vaffa' finale del forlivese prima dell'abbraccio riconciliatore sotto il podio. La spunta il ducatista, alla vittoria numero 14 in carriera, la terza stagionale dopo Mugello e Montmelò. E il Mondiale piloti è più aperto che mai: solo 16 i punti di ritardo da Marquez di Dovizioso, che risale al secondo posto approfittando della giornata no della Yamaha, con Maverick Vinales e Valentino Rossi mai in lotta per il podio e lontano dai primi. Che il Gran Premio d'Austria potesse regalare colpi di scena ed emozioni si capisce sin dall'inizio. Lorenzo parte forte e prende subito la testa della gara mentre Rossi risale subito in quarta posizione. I due ex compagni alla Yamaha aprono e chiudono un quartetto che comprende anche Marquez e Dovizioso che via via prova ad allungare ma dietro Zarco ricuce lo strappo e riporta dentro anche Pedrosa e Vinales. Quando manca però ancora più di metà gara, il Cabroncito decide di rompere gli indugi, infila le due Ducati e passa al comando mentre Rossi scivola al settimo posto, superato in un amen da Pedrosa e Zarco e poi anche da Vinales per colpa di una curva presa troppo larga. La battaglia per la vittoria diventa presto una lotta a due fra Marquez e Dovizioso, col forlivese che è l'unico a tenere il ritmo indiavolato del 24enne di Cervera. Il testa a testa è spettacolare, fra sorpassi, errori, staccate e controsorpassi, mentre da dietro risale Pedrosa a fare da terzo incomodo. Marquez ci prova fino all'ultimo a infilare il Dovi ma alla fine deve rassegnarsi al secondo posto, con l'altra Honda a completare il podio. "Questa vittoria me la sono presa - esulta il ducatista, che anche oggi azzecca la scelta della gomma posteriore ma puntando sulla mordida - Non c'è niente di peggio che avere Marc dietro all'ultima curva, sapevo che ci avrebbe provato anche se non c'era spazio ma sono riuscito a restare davanti. Il Mondiale? Bisogna essere sempre sul pezzo". Marquez, a un certo punto, ha anche pensato di non forzare troppo per non correre ulteriori rischi "ma negli ultimi tre giri ero a manetta. In questo Mondiale così serrato, se puoi prendere cinque punti in più, meglio provarci. Mi sarebbe piaciuto finire primo ma abbiamo fatto il 100%, ero al limite". E mentre Pedrosa si gode il settimo podio stagionale ("Sono fiero del mio team e di me stesso, per come si era messa la gara il terzo posto è un gran risultato"), in casa Yamaha ci si interroga su cosa fare per cambiare le cose. Anonime le gare di entrambi i piloti, con Vinales sesto e Rossi settimo e ora, rispettivamente, a -24 e -33 da Marquez. "Non potevamo fare più di così - è amareggiato il Dottore - Abbiamo fatto bene per 10 giri ma ce n'erano altri 18 e non ci aspettavamo un calo delle gomme così repentino. Consumiamo troppo la gomma dietro, la mettiamo troppo sotto stress e si vede, mentre Ducati e Honda, sia a livello meccanico che elettronico, hanno trovato una soluzione migliore e calano di meno quando noi invece andiamo in difficoltà". Nelle altre due classi, continua il dominio di Joan Mir e Franco Morbidelli, entrambi alla settima vittoria stagionale. Lo spagnolo vince in Moto3 su Oettl e Martin e allunga in classifica su Fenati, solo 13esimo e ora staccato di 64 punti. Il 22enne pilota romano precede invec


Share |



LEADER ITALIANA DELL’INFORMAZIONE SPORTIVA
Ogni giorno Italpress fornisce un notiziario aggiornato in tempo reale con circa 300 news, servizi e approfondimenti su tutte le discipline, comprese quelli “minori” che le agenzie tradizionali non trattano. La qualità editoriale è altissima, i plus esclusivi: la cronaca, il commento e i tabellini completi di tutte le partite diurne e notturne entro 15 minuti dal fischio finale.

TUTTI GLI SPORT
Calcio, Formula 1, moto, ciclismo, basket, tennis, volley, rugby, nuoto e pallanuoto, pallamano. Ma anche atletica, boxe, baseball, canottaggio, golf, ginnastica, judo, karate, lotta, scherma, equitazione, sci, pattinaggio su ghiaccio, tiro con l’arco, vela.

OGNI GIORNO
Un notiziario quotidiano sul Campionato e le squadre di calcio di serie A, le principali notizie sulla serie B, eventi e curiosità fino alla D, tabellini di calcio della serie A, B, Prima e Seconda Divisione e serie D, risultati, classifiche, formazioni, prossimi turni e calendari di tutte le manifestazioni sportive.

EVENTI
Una rete di inviati segue regolarmente tutte le trasferte della Nazionale in Italia e all’estero, i Campionati di serie A e B, Olimpiadi, Mondiali, Europei, Giro d’Italia e Tour de France, Coppa Davis. I servizi speciali sono forniti senza costi aggiuntivi per gli abbonati.

GRANDI FIRME
Le principali attività sportive e i grandi eventi vengono sottolineati quotidianamente dalla penna di noti opinionisti del giornalismo e del mondo sportivo italiano.

GOSSIP
Il “dietro le quinte” di tutti gli sport: curiosità dagli spogliatoi e dalle panchine, esoneri e infortuni, indiscrezioni dai centri di potere, incontri e trattative, love story dei campioni.

I PLUS ITALPRESS POLITICA & SPORT
Tutte le connessioni tra il Potere e lo sport. Direttamente dai “palazzi” delle federazioni, notizie fresche e indiscrezioni sulle decisioni, le leggi e le direttive che governano lo sport agonistico e federale. Interviste, opinioni e interventi dei personaggi che contano.

BUSINESS & SPORT
Tutto ciò che collega lo sport all’economia italiana e mondiale. Quotazioni in Borsa delle squadre sportive, sponsorizzazioni, calciomercato. Dati, cifre, movimenti, contratti.