OROSCOPO
mercoledì 22 novembre 2017

CONFPROFESSIONI: DA POLITICA RICONOSCIMENTO AL RUOLO PROFESSIONISTI-2-

11/11/2016 16.35

Anche per Antonio Tajani i professionisti vanno considerati come nuovi imprenditori dal momento che, con la loro attività, complessivamente danno lavoro a 11 milioni di cittadini europei. "Proprio perché imprenditori - ha affermato Tajani - i professionisti che hanno rapporti con la P.A. hanno il diritto di ottenere il pagamento delle loro prestazioni entro 30 giorni o 60 giorni, così come previsto dall’Unione europea. Anche perché - ha aggiunto - in caso di ritardo eccessivo dei pagamenti un professionista può essere costretto addirittura a fare a meno della collaborazione dei propri dipendenti ai quali non può più corrispondere lo stipendio".

Il ruolo d'intermediazione dei professionisti tra P.A. e cittadini è stato richiamato poi dal sottosegretario Chiavaroli: "una prospettiva questa che va ulteriormente seguita allargando il raggio d’azione delle categorie così come è accaduto per i notai che hanno acquisito la possibilità di omologa delle società prima riservata esclusivamente ai tribunali". Il sottosegretario ha anche sottolineato il ddl all’esame del Senato sul lavoro autonomo e le disposizioni contenute all’interno della legge di Bilancio 2017, che hanno aumentato le risorse per gli asili nido e riconfermato il bonus per le baby sitter. "Tutto questo in considerazione del fatto che le professioniste donne devono avere le possibilità di conciliare il loro impegno professionale con le esigenze familiari". Sulle prospettive di un nuovo welfare per i professionisti è intervenuto il presidente della commissione Lavoro del Senato, Maurizio Sacconi, che ha indicato nel welfare personalizzato il nuovo modello di assistenza e previdenza. "Occorre guardare a un welfare basato su due pilastri: uno obbligatorio e l’altro complementare che sia in grado di sostenere il professionista, come il dipendente, nelle diverse situazioni critiche in cui potrebbe venirsi a trovare".
(ITALPRESS).