OROSCOPO
lunedì 21 agosto 2017

RIFIUTI: ANCI "‘CAMPANIA DIFFERENZIA’ BEST PRACTICE"-2-

23/12/2016 14.15

Il progetto Campania differenzia ha concluso il suo iter di seminari tecnici lo scorso 21 dicembre, a Napoli, dopo le tappe di Salerno (13 dicembre), Avellino (14 dicembre), Benevento (15 dicembre) e Caserta (16 dicembre). Sul fronte delle scuole, sono state coinvolti a Salerno un Istituto Comprensivo tra i più popolosi dei capoluoghi campani, il Barra-Lanzalone, e a Caserta il Liceo multidisciplinare Manzoni. Le attività sono state realizzate sotto forma di laboratori dedicati alle classi della primaria e della secondaria e, in modo più complesso, per il target dei liceali, con momenti di condivisione a scuola, di analisi dello spreco a mensa e dello spreco domestico con rilevazioni a casa, tutti gestiti dagli esperti del Last Minute Market. Di rilievo quindi il coinvolgimento dei rispettivi nuclei familiari e il forum per l’individuazione delle buone pratiche anti spreco da riportare alle amministrazioni locali.

A Napoli, un’equipe del Dipartimento Scienze politiche dell’Università Federico II di Napoli, coordinata dal direttore Marco Musella, ha condotto un’analisi campionaria sugli esercizi presenti nel centro storico, quantificando l’entità dello spreco nel circuito della ristorazione e cercando di stimarne l’impatto economico in termini di smaltimento.
Il progetto ha condotto anche un’indagine qualitativa, dalla quale è emerso che la frazione organica rappresenta quasi il 55% de totale dei rifiuti da raccolta differenziata. Seguono poi la frazione cellulosica (177 mila tonnellate, 14%), il vetro (125 mila tonnellate, 10%) e la plastica (115 mila tonnellate, 9%). Queste quattro frazioni rappresentano, nel loro insieme, l’88% del totale dei rifiuti urbani intercettati in modo differenziato sul territorio regionale.
(ITALPRESS) - (SEGUE).