OROSCOPO
giovedì 25 maggio 2017
logo

LEGGE ELETTORALE, ULTIMO VALZER SUL TITANIC

24 maggio 2017

E' davvero una sparuta minoranza quella degli italiani che seguono il dibattito sulla legge elettorale con cui presto si tornerà al voto per rinnovare il Parlamento. E coloro che si appassionano al tema sono autentiche mosche bianche. Stigmatizzare il sempre più scarso senso civico dei nostri connazionali e spiegarlo come effetto della crescente sfiducia nei confronti della politica sarebbe però sbagliato: la crisi della democrazia, per sua natura basata sulla partecipazione popolare, e il cosiddetto populismo, ostile a ogni istituzione, non c'entrano nulla col fatto che è impossibile sentire un cittadino comune che in ufficio, al bar o in treno...

Continua a leggere

CONSULTA RIAPRE GIOCHI SU VOTO ANTICIPATO

26 gennaio 2017

Era scontato che la sentenza della Corte Costituzionale sull'italicum riaccendesse il dibattito politico, calato di intensità dopo il referendum e l'avvento di Gentiloni, ed era anche largamente probabile che la Consulta bocciasse il premio di maggioranza e, in parte, i capilista plurimi.

Assai meno prevedibile era l'ultimo capoverso del comunicato della Corte sulla immediata applicabilità della sentenza, in pratica la sottolineatura che se si vuole votare subito per rinnovare il Parlamento lo si può fare. L'ipotesi è stata accolta con gioia da un fronte che comprende Grillo, Salvini e Meloni, che le elezioni le chiedono dal 5 dicembre, ma in cui...

Continua a leggere

STRAGE BERLINO, IL TERRORISMO DIVIDE GLI EUROPEI

22 dicembre 2016

È amaro ammetterlo ma la nuova strage berlinese dimostra che il terrorismo islamista ha già raggiunto un obiettivo che fino a poco tempo fa sembrava lontano: ha diviso profondamente i cittadini europei, li ha messi gli uni contro gli altri, ha fatto venir meno il senso di una battaglia comune di civiltà contro la barbarie. Dopo il massacro di innocenti al mercatino natalizio è infatti andato in scena uno spettacolo non inedito ma finora mai apparso così evidente: due "partiti europei" si sono duramente scontrati tra loro.

Da un lato le classi dirigenti degli stati nazionali hanno dato voce a quella...

Continua a leggere

GOVERNO, POSTA IN PALIO VA OLTRE LEGGE ELETTORALE

16 dicembre 2016

Era scontato che dopo le dimissioni di Renzi la legislatura proseguisse e che nascesse un governo apparentemente nuovo perché presieduto da un altro presidente del consiglio ma sostanzialmente vecchio perché sorretto dalla medesima maggioranza di cui godeva l'ex sindaco di Firenze e perché composto per nove decimi dalla stessa squadra di ministri. In pratica un Renzi bis senza Renzi.

Sia la richiesta del PD di varare un esecutivo di responsabilità nazionale a larga maggioranza parlamentare per affrontare le emergenze e approvare una nuova legge elettorale, sia la opposta richiesta di tutte le opposizioni di andare subito alle urne, non erano infatti...

Continua a leggere

POST REFERENDUM, NON È SCONTATO VOTO IN PRIMAVERA

5 dicembre 2016

"Ben gli sta! Credeva di essere Gassman nel Mattatore, adesso è Villaggio in Fantozzi". Il feroce commento cinematografico di un anonimo cittadino che ho incontrato lunedì mattina esprime meglio di tante analisi sofisticate perché Renzi ha subito una memorabile batosta. La sua ossessiva e tracotante presenza mediatica unita all'ampiezza del fronte del NO, alla rivolta in atto in occidente contro l'establishment e alla oggettiva "bruttezza" della riforma costituzionale sono i fattori che hanno dato vita alla valanga che lo ha travolto.

Renzi ha di certo pagato i suoi errori, su tutti aver trasformato il referendum in un plebiscito personale. Ha puntato...

Continua a leggere