OROSCOPO

Canone Rai, cambio intestazione

Canone Rai cambio intestazione

Canone Rai, cambio intestazione: come cambiare intestatario del Canone Rai in caso di decesso del precedente intestatario o per altre esigenze.

In questo articolo vedremo come cambiare intestatario del Canone Rai. Già da diversi anni, è la società elettrica a provvedere alla riscossione del canone rai addebitando in bolletta, sulle prime 10 utenze dell’anno, il costo delle rate del canone Rai. In queste circostanze, per eseguire un cambio intestazione sarà necessario fare una voltura dell’utenza della luce.

Canone Rai, cambio intestazione

Il cambio di intestazione del canone rai può essere molto utile quando in casa abita una persona che abbia compiuto 75 anni di età. In questo contesto è possibile avvalersi dell’esenzione che la “televisione dello stato” riserva agli anziani (per tutte le informazioni esenzione anziani canone Rai). Ciò che dovete fare, dunque, è solo una voltura dell’utenza elettrica così da modificare il nome del relativo titolare.

La voltura va fatta rivolgendosi direttamente all’Enel o al proprio gestore elettrico. La semplice voltura è necessaria per modificare l’intestatario dell’imposta sulla televisione. 

Con la voltura del servizio elettrico, l’utente andrà a trasferire l’intestazione del servizio a un’altra persona, senza andare incontro a nessuna discontinuità del servizio. La voltura serve appunto a trasferire il contratto di fornitura già attivo in quella casa, a un altro nome. La voltura NON è gratuita e il richiedente dovrà pagare un costo richiesto dal fornitore.

Quanto costa il cambio di intestazione del canone rai?

Per capire quanto costa il cambio di intestazione canone rai dovrete rivolgervi al vostro fornitore perché tale costo corrisponde alla voltura. In caso dell’Enel il costo della voltura enel e canone Rai ammontano a circa 77 euro. In particolare, il costo per la voltura Enel comprende:

  • un contributo fisso di 27,03 € per oneri amministrativi che vengono destinati al distributore locale
  • un contributo fisso di 23 €
  • l’imposta di bollo, pari a 16,00 € sul nuovo contratto come previsto dalla normativa fiscale.

Ai costi indicati andrà applicata l’IVA e il totale è di circa 77 euro. Considerando il costo del canone RAI, la voltura è un compromesso accettabile quando il cambio di intestazione si fa a favore di un oevr 75.

Cosa serve in per fare il cambio di intestazione?

Bisogna fare la richiesta al gestore elettrico e soddisfare la documentazione richiesta. In genere, i documenti necessari per una voltura elettrica sono:

  • Numero cliente dell’intestatario precedente
  • Dati anagrafici del nuovo intestatario
  • Autocertificazione della residenza anagrafica
  • Fotocopia di un documento di identità
  • Coordinate bancarie o postali per la domiciliazione delle bollette

Canone Rai, cambio intestazione per decesso

Se il vecchio intestatario del canone Rai e della bolletta elettrica è deceduto, è possibile eseguire una voltura gratuita. La voltura è gratuita solo se sono gli eredi a fare la richiesta mentre se il vecchio intestatario non è un familiare defunto, ma un convivente o inquilino, scatta il pagamento nella misura indicata in precedenza.

Voltura automatica dell’abbonamento

L’agenzia delle Entrate fa sapere che non è necessaria alcuna voltura se il vecchio canone Rai era intestato a un soggetto diverso dall’intestatario delle bollette. “Se nella stessa famiglia anagrafica un soggetto è titolare dell’utenza elettrica e un altro è il titolare dell’abbonamento TV, il canone è addebitato solo sulla fattura per la fornitura di energia elettrica e si procederà alla voltura automatica dell’abbonamento nei confronti del titolare dell’utenza elettrica, senza la necessità di alcun adempimento a carico del vecchio abbonato.

Anche in caso di cambio di residenza la voltura dell’abbonamento del canone RAI sarà fatta in automatico: vi basterà eseguire la cessione del servizio con il fornitore elettrico nella vecchia casa. Quando attiverete un utenza elettrica nella nuova casa, il cambio indirizzo avverrà in automatico perché il canone sarà addebitato sulla nuova utenza elettrica.