>>Italpress

OROSCOPO
martedì 26 maggio 2015
logo

REAL MANDA VIA ANCELOTTI E VIRA SU BENITEZ, LUCA TONI IL NOSTRO NORDHAL

25 maggio 2015

Con il derby romano sarebbe stata una giornata memorabile ma si sa, il nostro calcio, gestito da numerosi Tafazzi, sa farsi del male e ci prova, sempre, mettendone in discussione la credibilità. Lazio- Roma si gioca oggi e dico "vinca il migliore" e non so chi, fra Garcia e Pioli, si senta di dire - come il mitico Rocco - "speriamo di no". Il Napoli, umiliato dalla Juve delle riserve, è costretto anche a invocare l'antica forza dei "nemici" giallorossi per sperare nella Champions. Deve ringraziare il dissipatore Benitez (oggi bersaglio degli stessi critici che lo hanno riverito...

Continua a leggere

ZEMAN E ZOLA FALLIMENTO A CAGLIARI, GASPERINI UN TRIONFO A GENOVA

19 maggio 2015

Critico Zeman da una vita. Da quando lascio' il bellissimo Foggia per conquistare le platee nazionali (e internazionali) del Qualunquismo Pedatorio, osannato da tutti i cultori dell'Offensivismo tout court, detto anche "o la va o la spacca", campo nel quale ha avuto maggior successo Oronzo Cana'
"l'allenatore nel pallone". Critico, eppur rispettoso del professionista che per trent'anni e' riuscito  a scucire ingaggi importanti senza mai atteggiarsi a divo, addirittura brevettando un divismo sottotraccia - diciamo pure low profile - come quello attribuito all'Avvocato Agnelli. Quando gli fu affidato il Cagliari non ebbi dubbi a immaginare che i nuovi...

Continua a leggere

C'ERA UNA VOLTA IL DERBY DEL SOLE

12 maggio 2015

C'era una volta il Derby del Sole, fascinosa definizione aggiunta da uno stilista per superare l'angusto concetto socio-geografico secondo il quale Roma-Napoli doveva essere semplicemente il Derby del Sud. Il Sole (che sorgeva libero e giocondo sui Sette Colli) era di per se' un'etichetta gioiosa, un annuncio di battaglia corretta e sfiziosa: c'e' voluto l'ottuso impegno di un manipolo di cialtroni per cancellare anche quell'immagine serena di "volemose bene" e tramutare il confronto in una sfida di odio e morte. La Lazio s'e' infilata involontariamente nel duello per conquistare un posto in Champions e tutto sarebbe bellissimo se...

Continua a leggere

LEZIONI DI CALCIO E CORAGGIO DA LAZIO E PARMA, NAPOLI E BENITEZ BOCCIATI MA IN CORSA

11 maggio 2015

Spero che l'autoritario Aurelio De Laurentiis - il presidente castigamatti che ha lanciato la moda dei ritiri punitivi - questa volta s'inventi una tortura più efficace: deve costringere Rafa Benitez e i suoi giocatori a rivedersi più volte la partita della Lazio contro l'Inter, una lezione di calcio, coraggio e abnegazione da opporre alla farsa di Parma, dove si è vista una squadra di Golia armati di cannoni tremare davanti a una dozzina di Davide armati di fionda. Il Napoli, gestito con improntitudine e sicumera dallo spagnolo che pretenderebbe una rifondazione milionaria per sentirsi rassicurato, ha rischiato di uscire sconfitto...

Continua a leggere

L'ITALIA NON E' IN VENDITA E PUO' FARE DA SE'

4 maggio 2015

Finalmente buone notizie per il calcio italiano. La Juve S.p.A. - primaria azienda nazionale - ha vinto lo scudetto n.31 (se chi legge e' juventino dica pure 33, ma la storia non cambia), il quarto consecutivo. Silvio Berlusconi ha deciso di tenersi il Milan - azienda sportiva italiana di livello mondiale - e di concederne ai thaicinesi - quando vorra' - solo una quota. L'Italia non e' in vendita, come ha appena ricordato Giorgio Armani, il cui nome e il cui lavoro hanno imposto il nome di Milano nel mondo ancor prima dell'Expo. Latticini e cachemire non contengono...

Continua a leggere