OROSCOPO
martedì 21 novembre 2017

ENEL, RICAVI PRIMI 9 MESI +5,3%

9 novembre 2017

37Il Consiglio di Amministrazione di Enel Spa, presieduto da Patrizia Grieco, ha esaminato e approvato il resoconto intermedio di gestione al 30 settembre 2017, nonché il prospetto contabile di Enel riferito alla medesima data e la relazione, da cui risulta che la situazione patrimoniale, economica e finanziaria della Società consente la distribuzione di un acconto sul dividendo per l'esercizio 2017 pari a 0,105 euro per azione, che verrà messo in pagamento dal 24 gennaio 2018.

I ricavi dei primi nove mesi del 2017, pari a 54.188 milioni di euro, presentano un incremento di 2.729 milioni di euro (+5,3%) rispetto all'analogo periodo del 2016. I ricavi dei primi nove mesi del 2017 includono, come unica partita straordinaria, la plusvalenza realizzata dalla cessione della partecipazione nella società cilena Electrogas, pari a 144 milioni di euro. I ricavi dei primi nove mesi del 2016 includevano invece, come partite straordinarie, le plusvalenze realizzate dalle cessioni delle partecipazioni nella società cilena GNL Quintero S.A. e nella società italiana Hydro Dolomiti Enel Srl, rispettivamente pari a 171 milioni di euro e 124 milioni di euro.

Nei primi nove mesi del 2017, il risultato netto del Gruppo ammonta a 2.621 milioni di euro, rispetto ai 2.757 milioni di euro dell'analogo periodo dell'esercizio precedente, registrando un decremento di 136 milioni di euro (-4,9%).

Il margine operativo lordo (EBITDA) dei primi nove mesi del 2017, pari a 11.450 milioni di euro, registra un decremento di 560 milioni di euro rispetto all'analogo periodo del 2016.

L'EBITDA ordinario dei primi nove mesi del 2017 ammonta a 11.306 milioni di euro, con un decremento di 590 milioni di euro (-5%) rispetto ai primi nove mesi del 2016. 

Il risultato operativo dei primi nove mesi del 2017 ammonta a 7.217 milioni di euro, con un decremento di 472 milioni di euro (-6,1%) rispetto all'analogo periodo del 2016, in linea con la contrazione dell'EBITDA, parzialmente compensata dalla riduzione degli ammortamenti e degli impairment rispetto ai primi nove mesi del 2016; tale fattore riflette l'effetto degli impairment sugli asset classificati come posseduti per la vendita nei primi nove mesi del 2016, per 111 milioni di euro, principalmente riferibili ad adeguamenti al presumibile valore degli asset in fase di sviluppo nell'upstream gas e di Marcinelle Energie.

L'utile netto ordinario del gruppo ammonta nei primi nove mesi del 2017 a 2.583 milioni di euro rispetto ai 2.700 milioni di euro dell'analogo periodo dell'esercizio precedente, in diminuzione di 117 milioni di euro (-4,3%).

Al netto delle partite non ricorrenti illustrate nel paragrafo sull'EBITDA ordinario, l'utile netto ordinario del Gruppo ammonta a 2.504 milioni di euro nei primi nove mesi del 2017, con un incremento di 73 milioni di euro (+3,0%) rispetto ai 2.431 milioni di euro rilevati nell'analogo periodo del 2016.

Gli investimenti nei nove mesi del 2017 registrano un aumento di 304 milioni di euro rispetto all'analogo periodo del 2016 e sono riconducibili essenzialmente alle attività di generazione da fonte rinnovabile all'estero, in particolare negli Stati Uniti e in Messico.

Starace: "Crescita nelle rinnovabili sarà accelerata"
"Nei primi nove mesi del 2017 la diversificazione geografica e il contributo degli investimenti di crescita ci hanno consentito di fronteggiare la continua ridotta disponibilità della risorsa idrica ed eolica a livello globale ed il permanere del difficile contesto nella penisola iberica", commenta Francesco Starace, amministratore delegato e direttore generale di Enel.

 

"Abbiamo registrato ricavi in crescita per effetto principalmente dei risultati ottenuti nella vendita e trasporto dell'energia elettrica, un miglioramento della generazione di cassa del Gruppo ed una crescita dell'utile netto ordinario del 3% al netto delle partite non ricorrenti - prosegue Starace -. Per la restante parte del 2017, continuerà l'accelerazione degli investimenti sulla digitalizzazione, dove abbiamo già installato oltre un milione di smart meters di nuova generazione in Italia e completeremo l'installazione dei contatori elettronici in Spagna. La crescita nelle rinnovabili sarà ulteriormente accelerata anche attraverso il consolidamento della nostra strategia di BSO, estesa a nuovi Paesi come il Messico. Alla luce dei progressi raggiunti per ciascuno degli obiettivi di Piano, dei risultati registrati nei primi nove mesi di quest'anno e dell'evoluzione attesa nell'ultimo trimestre, possiamo confermare i target economico-finanziari per il 2017".


Share |



LE NOTIZIE CHE MUOVONO IL MONDO
Dal petrolio alle fonti rinnovabili, dai grandi gruppi alle piccole e medie imprese: un’ampia panoramica su uno dei settori cruciali dell’economia, per il presente e per le prospettive future.

AZIENDE
Dati e approfondimenti sull’attività produttiva e sui risultati finanziari dei maggiori gruppi impegnati nel campo dell’energia.

RICERCA
Tutte le principali novità sulle fonti rinnovabili e sulle strategie messe in campo per ridurre le emissioni di CO2, dalle grandi industrie ai consumi privati.

NORME
Aggiornamenti dalle istituzioni che si occupano di energia, dal Governo al Parlamento passando per l’Authority e gli enti locali, con un’attenzione anche alle news sul fisco e sulle tariffe.

STATISTICHE
L’energia in cifre, con gli studi dei maggiori istituti di statistica e i monitoraggi su costi e consumi delle fonti più utilizzate.

LAVORI IN CORSO
Uno sguardo sulle grandi opere (elettrodotti, centrali, gasdotti) che cambiano il modo di produrre e consumare energia.

NON SOLO ENERGIA
Produzione industriale, prezzi, materie prime. Quello che accade nel settore ha tante ricadute, e le news Italpress le raccontano.