>>Italpress

OROSCOPO
lunedì 21 agosto 2017
logo

LA JUVE VINCE ANCHE SOFFRENDO, E' SEMPRE A +8

20 marzo 2017

Cominciano i primi caldi, qualcuno ha gia' la lingua penzoloni e spesso non si vedono grandi partite. Ci si consola con qualche processo e qualche aneddoto inedito. E' stato il cane di Baggio il "personaggio" (personaggio?) piu' simpatico della giornata. Un aneddoto su Carletto Mazzone per ricordare i suoi ottanta anni (auguri!), raccontato da Giampaolo: un cane scodinzolava in campo durante l'allenamento e l'allenatore ordino' di cacciarlo. Quando gli dissero che era il cane di Baggio, Mazzone disse: "Allora dategli un biscottino!". Il tecnico della Samp, aveva appena perso contro la Juventus, pur avendo giocato (i suoi) una buona partita. Ma questo e' il calcio e bisogna capire che gli scudetti si vincono anche correndo pericoli, soffrendo e non giocando bene, come ha fatto la Juve. Il gol di Cuadrado, a volo d'angelo, di testa, aveva fatto presumere una passeggiata bianconera e invece nella ripresa Buffon (che ha superato Boniperti nel minutaggio: il vecchio capitano, e poi presidente juventino, aveva totalizzato 39.680') ha dovuto stare molto attento. Forse la Samp avrebbe meritato il pareggio, ma la Juve sa anche cavar sangue anche dalle rape, gli altri no. Questa la differenza. Alla ripresa, la Juve dovra' vedersela con il Napoli al San Paolo, in coppa e campionato, e Allegri (molto arrabbiato) ha fatto riposare Bonucci. Si vedra' come sta Dybala, uscito per un problema muscolare a Marassi. Dopo l'inelegante disputa dialettica fra Spalletti e i giornalisti romani sulla sfiga, la squadra giallorossa ha vinto in rimonta contro il Sassuolo. La Roma e' cosi' rimasta al secondo posto, alle calcagna (si fa per dire: -8) della Juve e davanti al Napoli.

Insomma, e' cambiato poco, anche se gli umori in casa giallorossa sono cambiati. Dzeko era rimasto fuori, ma appena richiamato in campo ha segnato. Qualche problema in difesa, per la Roma. La prima vittoria del Napoli a Empoli ha avuto le sembianze di una passeggiata nel primo tempo: tre gol e un rigore sbagliato. Nella ripresa l'Empoli ha fatto due gol e Sarri non sara' rimasto contento dei suoi, che hanno rischiato. La squadra azzurra e' comunque in piena corsa per il secondo posto, puo' raggiungere ancora il traguardo della Coppa Italia. L'Empoli, che non vince da otto giornate e ha perso la sesta partita consecutiva, ma ha ancora un certo margine sulle squadre di coda e ha dato segni positivi nel finale. Maccarone e' arrivato a 100 gol. Damato ha fischiato tre rigori. La Lazio non e' riuscita a vincere a Cagliari: 0-0 contro una delle difese piu' deboli del campionato.

L'ex compagno di squadra di Inzaghi, Rastelli (nel Piacenza, tanti anni fa), gli ha fatto un mezzo sgambetto. L'Atalanta ha vinto facilmente contro il Pescara e Gomez ha segnato due gol. La squadra di Gasperini ha acciuffato l'Inter e l'Europa e' ormai un traguardo possibile. Il piano di Pioli di vincere tutte le partite sino a fine campionato, ha accusato la prima battuta d'arresto. Il labile carattere dell'ambiente interista ha provocato scoramento: non ce la faremo piu'. Dal punto di vista aritmetico tutto e' possibile, semmai noi ci preoccuperemmo dei troppi errori, specie in difesa, dei nerazzurri. Il Torino, che ormai non ha traguardi concreti, se non quello di chiudere bene la stagione, ha giocato una buona gara.

Il famoso duello fra Belotti e Icardi, annunciato a caratteri cubitali, e' finito 0-0, la partita invece 2-2 per le papere di Hart e della difesa di Pioli. Che diranno i cinesi? Quelli del Milan stanno rovistando le proprie tasche per trovare le monetine da versare nelle casse rossonere in tempo. Intanto, la squadra rossonera - nonostante i tanti infortuni - va avanti. Montella si sta rivelando assai bravo nello sfruttare quel che ha in casa e il settimo 1-0 stagionale (contro il Genoa) gli fa sperare nell'Europa League: il traguardo non e' lontanissimo. I rossoblu, come l'Empoli, hanno una grande fortuna: che quelli che stanno sul fondo hanno poche speranze di salvarsi. Vittorie della Fiorentina a Crotone (gol in extremis di Kalinic) e del Bologna (4-1, con doppietta di Dzemaili e gol del neoazzurro Verdi). Per queste squadre, solo soddisfazioni marginali. Il Palermo invece si e' fatto rimontare e travolgere da una buona Udinese, che nelle ultime tre partite ha messo insieme sette punti, facendo progressi in classifica e inguaiando quasi definitivamente il Palermo, che ha perso Diamanti, espulso. Aritmeticamente i rosanero possono raggiungere l'Empoli, ma un punto in sei partite non e' un granche'. Ora la Nazionale. Ogni punto e' buono per tener botta alla Spagna. Il futuro, con lo sbocciare di tanti giovani promesse, e' roseo, ma se la squadra azzurra non battera' l'Albania, saranno guai. A proposito: Ventura ha convocato Petagna al posto dell'infortunato Gabbiadini. Prosit.

Share |


Commenti disabilitati per questo articolo

etichetta

Lifestyle




altri video di Franco Zuccalà