home
  • Seguici su LinkedIn
  • Seguici su Facebook
  • Seguici su Twitter
  • Seguici su Google+
logo

MONDIALI2014: DOMANI ITALIA-URUGUAY

23/06/2014 16.37

RIO DE JANEIRO (BRASILE) (ITALPRESS) - Dopo la sconfitta con il Costarica, Fulvio Collovati, campione del mondo del 1982 in Spagna, attualmente opinionista Rai e collaboratore per Better, il marchio di Lottomatica per le scommesse, presenta la sfida di domani contro l'Uruguay decisiva per il futuro mondiale dell'Italia. Questo stesso commento e' visibile anche sul seguente link:

https://www.l...oco=scommesse
Dopo l'inaspettata sconfitta contro la Costa Rica, l'Italia di Prandelli è ad un bivio, a Natal contro l'Uruguay se perde è fuori dal Mondiale. Con questa vittoria la Costa Rica non solo è approdata agli ottavi di finale ma ha eliminato di fatto anche l'Inghilterra che incontrerà nell'ultimo turno in una partita che varrà solo per l'onore degli inglesi, fermi a zero punti. L'ultima vittoria dell'Italia sull'Uruguay risale al Mondiale disputato nella nostra penisola nel 1990, erano gli ottavi finale vincemmo 2-0 con reti di Schillaci e Serena. Domani gli azzurri contro l'Uruguay hanno due risultati su tre a disposizione ma questo deve essere solo ed esclusivamente uno stimolo perché gli uruguagi, con in testa Cavani e Suarez, sono un ostacolo duro, vogliono vincere e centrare anche loro la qualificazione. Cosa deve fare Prandelli per risollevare la squadra? Questa è la domanda dell'Italia calcistica. Sicuramente ci saranno dei cambiamenti, presumibilmente tornerà la difesa juventina con il trio Barzagli-Bonucci-Chiellini, a centrocampo uno tra Verratti o Parolo dovrebbe sostituire l'infortunato De Rossi, in attacco al fianco di Balotelli potrebbe tornare in capocannoniere della "serie A", Ciro Immobile. Prandelli dovrà essere bravo soprattutto sull'aspetto mentale perché il contraccolpo della sconfitta con la Costa D'Avorio è stato forte, con l'Uruguay servirà tecnica ma anche spirito di sacrificio, corsa e grinta. Dando un'occhiata agli altri gironi, dopo Spagna e Inghilterra, è stata eliminata anche la Bosnia di Lulic e Pjanic. Alle sorprese di Cile, Colombia e Belgio che hanno già passato il turno, si affiancano le conferme di Francia e Argentina. Nel girone F, oltre Messi e co, è ad un passo dagli ottavi la Nigeria. Alla Russia di Fabio Capello, per passare il turno, è indispensabile battere l'Algeria nell'ultima partita. Una citazione particolare ad una leggenda del calcio mondiale, il laziale Miro Klose, 36enne, che con il gol del 2-2 realizzato contro il Ghana, è arrivato a 15 gol segnati nei Mondiali ed ha raggiunto il brasiliano Ronaldo. Se la Germania va avanti, come è presumibile, il tedesco ha la possibilità di superare "O Fenômeno".
(ITALPRESS).

meteo.italpress