home
  • Seguici su LinkedIn
  • Seguici su Facebook
  • Seguici su Twitter
  • Seguici su Google+
logo

MONDIALI2014: DOMANI INGHILTERRA-ITALIA

13/06/2014 12.50

ROMA (ITALPRESS) - In vista dell'esordio mondiale dell'Italia in programma domani contro l'Inghilterra, Fulvio Collovati, campione del mondo del 1982 in Spagna, attualmente opinionista Rai e collaboratore per Better, il marchio di Lottomatica per le scommesse, presenta il match. Questo stesso commento e' visibile anche sul seguente link: https://www.l...oco=scommesse. Poco più di 24 ore di attesa per vedere l'esordio dell'Italia di Cesare Prandelli contro l'Inghilterra, poi ci stringeremo tutti per sostenere capitan Buffon e compagni. Gli azzurri sono inseriti nel "girone D", le altre due sfidanti sono Uruguay e Costa Rica. Il match d'esordio è quasi sempre la partita più difficile della fase a gironi, partire bene ti permette di affrontare con più serenità le altre due avversarie. Se non si riesce a vincere è meglio non perdere. Ricordo ancora quando vincemmo il Mondiale in Spagna nel 1982, nella fase a gironi facemmo tre pareggi e nella partita d'esordio fu uno scialbo 0-0 contro la Polonia che poi ritrovammo in semifinale e battemmo per 2-0 con doppietta di Paolo Rossi. Quindi, ribadisco, vincere è importante ma non perdere potrebbe esserlo ancora di più. Inghilterra-Italia si giocherà all'Arena Amazonia di Manaus in una situazione climatica particolare, le temperature sono di circa 26-27 gradi, c'è umidità e rischio di pioggia ma soprattutto sembra che il terreno di gioco sia in pessime condizioni.

Gli inglesi sono allenati da una "vecchia" conoscenza del calcio italiano, l'ex tecnico dell'Inter Roy Hodgson, e sono animati da una grande voglia di rivincita dopo l'eliminazione ai calci di rigore subita ad opera degli azzurri nell'Europeo del 2012. Gli inglesi non parlano dell'Italia, non per sottovalutare l'incontro ma perché ci temono e vogliono restare concentrati. L'ossatura della squadra azzurra è la stessa che arrivò in finale agli Europei due anni fa con Buffon, Bonucci, Chiellini, De Rossi, Pirlo, Candreva e Balotelli. In più Prandelli potrà contare su diversi giovani di talento come il "terzetto zemaniano" formato da Verratti, Immobile e Insigne, dall'ala Cerci e dal centrocampista Parolo. Senza dimenticare Antonio Cassano, reduce da una grande stagione a Parma, non più giovanissimo ma calciatore di classe ed esperienza. Prandelli crede nella squadra, ha già messo da parte le piccole polemiche sorte con la rinuncia a Destro e Rossi ma ha ancora alcuni nodi da sciogliere, deve scegliere a centrocampo uno tra Motta e Verratti e in attacco uno tra il capocannoniere della "serie A", Immobile, e Balotelli. Il milanista parte favorito. Il resto sembra deciso: Buffon tra i pali, difesa a 4 con Abate, Bonucci, Paletta e Chiellini, centrocampo a tre con De Rossi, Motta o Verratti e Pirlo, due esterni Candreva e Marchisio a supporto dell'unica punta. È indubbiamente uno modulo accorto, con un attaccante e 5 centrocampisti che si inseriscono in area. Poi, pronti ad entrare in campo, ci sono Cerci, Insigne e Cassano, elementi che hanno la capacità di saltare l'uomo e creare la superiorità numerica. Chiunque giochi: FORZA AZZURRI !!! (ITALPRESS).

meteo.italpress