home
  • Seguici su LinkedIn
  • Seguici su Facebook
  • Seguici su Twitter
  • Seguici su Google+
logo

MONDIALI2014: PRESENTAZIONE GIRONI G - H

05/06/2014 18.24

ROMA (ITALPRESS) - Dopo aver commentato i gironi A, B, C, D, E, F in vista dei Mondiali al via il prossimo 12 giugno, Fulvio Collovati, campione del mondo del 1982 in Spagna, attualmente opinionista Rai e collaboratore per Better, il marchio di Lottomatica per le scommesse, presenta i gironi G ed H, gli ultimi. Questo stesso commento e' visibile anche sul seguente link:

https://www.l...o=commento&gi oco=scommesse
GIRONE G: GERMANIA, PORTOGALLO, GHANA, USA Come da tradizione la Germania e' una delle squadre piu' attese al Mondiale. La squadra di Joachim Loew, che si e' qualificata conquistando 28 punti su 30, fara' il suo esordio il 16 giugno alle ore 19 contro il Portogallo; poche ore dopo, a mezzanotte, si affronteranno Ghana e Usa. La Germania e' indubbiamente la squadra favorita del girone, subito dopo Portogallo e Ghana, poi gli Usa.
I tedeschi possono contare a centrocampo sul "blocco" del Bayern Monaco formato da Schweinsteiger, Muller, Kroos , Goetze, e anche Lahm provato in questo ruolo dal tecnico tedesco; poi Ozil dell'Arsenal e Khedira del Real Madrid. Molto interessante il giovane Schurrle del Chelsea. In attacco il panzer Klose della Lazio e Podolsky dell'Arsenal. Il Portogallo di Paulo Bento e' alle prese con la questione Cristiano Ronaldo, afflitto da un problema al tendine rotuleo del ginocchio. Con Ronaldo, o senza, cambierebbe il Mondiale dei lusitani. Certo non e' il Portogallo di qualche anno fa, si e' qualificato al Mondiale arrivando secondo al girone dietro la Russia e vincendo poi lo spareggio contro la Svezia. Per il Ghana e' la terza partecipazione consecutiva ad un Mondiale, il risultato migliore l'ottenne nell'edizione del 2006, arrivo' agli ottavi di finale e fu poi eliminata dal Brasile. Diversi giocatori militano nel calcio italiano: i milanisti Muntari e Essien, Badu dell'Udinese, Acquah del Parma e Asamoah della Juventus. In attacco Asamoah Gyan e Boateng, ex Milan. La forza fisica e la velocita' sono le peculiarita' della squadra ghanese. Sulla panchina degli Usa siedera' il tedesco Jurgen Klinsmann che nella lista dei 23 convocati ha dato spazio ai giovani. Ha escluso il giocatore piu' famoso, Landon Donovan, autore di 57 gol con la maglia americana, preferendogli il 19enne Julian Green del Bayern Monaco che avra' cosi' modo fi far vedere tutto il suo valore. Ci sara' Michael Bradley, ex Roma ora al Toronto.

GIRONE H: BELGIO, RUSSIA, ALGERIA, COREA DEL SUD
Il Belgio del tecnico Wilmots potrebbe essere la sorpresa del Mondiale, e' una squadra ben assemblata in tutti i reparti. I belgi mancano ad un Mondiale da tre edizioni. Possono contare sul portiere Curtois dell'Atletico Madrid ma di ritorno, dopo il prestito, all'Arsenal; di difensori esperti come Vertonghen del Tottenham e Kompany del Manchester City; di centrocampisti come Dembele del Tottenham e Witsel dello Zenit di Sanpietroburgo; e di attaccanti veloci come Hazard e Lukaku del Chesea, e Mertens del Napoli. Seconda forza del gruppo e' la Russia di Fabio Capello che puo' contare sull'esperto portiere, e capitano, Akinfeev del Cska, sull'esperienza in difesa di Ignashevich e Berezutsky del Cska Mosca, su un centrocampo di quantita' e qualita' formato da Denisov e Zhirkov della Dinamo Mosca, sul giovane talento Dzagoev del CSKA Mosca e su Faizulin e Shatov dello Zenit; e in attacco sulla coppia Ker akov-Arshavin dello Zenit. Quest'ultimo e' l'elemento piu' conosciuto a livello internazionale. L'Algeria del tecnico Halilhodzic deve compiere un vero "miracolo calcistico" per approdare agli ottavi di finale. Si e' qualificata dopo aver sofferto piu' del dovuto con la Burkina Faso. Annovera tra le proprie fila gli "italiani" Ghoulam del Napoli, Mesbah del Livorno e Taider dell'Inter. I giovani piu' interessanti sono Feghouli del Valencia, Slimani del Benfica e Lacen del Getafe. La Corea del Sud allenata da Myung-Bo e' la "cenerentola" del gruppo. Potrebbe rappresentare la classica sorpresa, per l'Italia rievoca brutti ricordi: nel 2002 ci elimino' dal Mondiale con la collaborazione dell'arbitro Moreno. Nella Corea del Sud spicca il giovane talento Son Heung-Min, 21enne del Bayer Leverkusen. In attacco i veloci Park Chu-Young dell'Arsenal e Koo Ja-Cheol del Mainz.
(ITALPRESS).

meteo.italpress