OROSCOPO
domenica 22 ottobre 2017
logo

CULTURA ISLAMICA E IGNORANZA (SECONDA PARTE)

9 febbraio 2017

Quanta conoscenza c'è dell'Islam in Europa? Quanta ignoranza c'è dell'Islam in Europa? In questi ultimi anni pubblicazioni e articoli sull'Islam sono quantitativamente molto numerosi facendo crescere il mercato dell'offerta della conoscenza dell'Islam in tutte le librerie e siti o moderni mezzi di comunicazione di massa. Con quale risultato? Stessa ignoranza e medesima mancanza di comprensione!

Perché? Perché troppo spesso si vende e si legge ciò che l'acquirente vuole trovare: la conferma delle proprie impressioni e opinioni, l'alibi del pregiudizio, il pretesto della ignoranza, la scusa per non superare i falsi timori, la superficialità e la parzialità dell'apparenza, lo sforzo (jihad!) di approfondire e scoprire qualcosa che possa rimettere in gioco la cultura, il pensiero, l'idea di se stessi e del mondo. In alcuni casi, a discapito della cultura prevale il potere, la difesa del potere, la difesa dal povero, dallo straniero, dal religioso, dal cittadino che vive in 7 Stati...

In coincidenza con la celebrazione della Settimana mondiale dell'armonia interreligiosa istituita dalle Nazioni Unite, la Comunità Religiosa Islamica Italiana (COREIS) e il Servizio dei Gesuiti per i Rifugiati (JRS) interpretano l'Ordine esecutivo del presidente Trump sul tema dell'immigrazione e dei rifugiati come un affronto ai nostri comuni valori musulmani e cristiani e una negazione della nostra condivisa umanità. L'Ordine è chiaramente discriminatorio, e mette a repentaglio i rapporti cristiano-musulmani: "Diamo atto al dovere dei governi nazionali di proteggere i propri cittadini dalle situazioni di pericolo e di disciplinare le proprie frontiere a tutela della sicurezza nazionale. Vi sono, tuttavia, esigenze di ordine etico che trascendono i limiti dei confini nazionali, tra cui quella di assicurare protezione ai membri della famiglia umana che versano in situazioni di grave rischio. In un mondo quotidianamente ferito da violenze, ingiustizie, terrore e tirannia, le nostre tradizioni musulmane e cristiane ci chiamano a dare prova di coraggio e generosità, senza cedere alla paura o all'egoismo.

Come organizzazioni musulmane e cristiane, affermiamo la nostra solidarietà nei confronti di tutti i rifugiati, a prescindere dalla loro rispettiva fede".

"Ogni tentativo di respingere rifugiati sulla base della loro fede religiosa è in contrasto con i valori cristiani e musulmani della dignità umana, della cura per i più deboli della società, e della libertà religiosa. Un bando imposto di fatto a una moltitudine di rifugiati musulmani potrebbe essere motivo di risentimento settario, alimentare il radicalismo, e inasprire eventuali tensioni religiose. Siamo allarmati dall'annunciata politica che intende riconoscere priorità ai rifugiati che si dichiarino vittime di persecuzione religiosa in Paesi in cui la loro fede è minoritaria. Considerato che i sette Paesi ai cui cittadini è fatto divieto per i prossimi tre mesi di accedere agli Stati Uniti sono tutti a maggioranza musulmana, l'Ordine esecutivo è chiaro segno dell'intenzione di porre i rifugiati musulmani provenienti da quegli stessi Paesi in fondo all'elenco degli aventi priorità. L'Ordine esecutivo rischia di destabilizzare la protezione dei rifugiati in senso globale, in quanto riduce il numero dei luoghi di reinsediamento e sbarra l'accesso alle richieste di asilo. Chiediamo ai governi di opporsi al bando posto in atto dagli Stati Uniti, e di fare in modo che sia potenziata nella sua struttura la protezione dei rifugiati nei rispettivi Paesi. Sollecitiamo, peraltro, quelli che potrebbero voler attuare politiche isolazioniste ad approfondire le cause strutturali che sono alla base dello sfollamento forzato, e a condividere in maniera equanime l'onere derivante dalla protezione data ai rifugiati.

Cristiani e musulmani appartengono a tradizioni religiose che affondano ambedue nell'esperienza dell'esilio e dell'ospitalità di Dio, che a Lui è propria. Atteggiamenti ostili nei confronti degli sfollati non trovano posto nelle nostre tradizioni religiose, semmai sono manifestazioni di un solenne fallimento sul piano morale. Le nostre fedi invitano tutte le persone di buona volontà a promuovere ovunque una più profonda cultura dell'ospitalità nei confronti dei migranti e degli sfollati. Sia dunque riconosciuta la dignità di ognuno e il diritto di ciascuno di vivere in sicurezza in questa che è la nostra casa comune".

Yahya Pallavicini (presidente della Comunità Religiosa Islamica Italiana - COREIS)
Thomas H. Smolich (direttore internazionale del Servizio dei Gesuiti per i Rifugiati).

(ITALPRESS).

Share |


Commenti disabilitati per questo articolo